Arezzo 2020, il tempo di cambiare: “Il nostro ricordo di Enzo Gradassi”

Ciao Enzo

Dopo aver combattuto la malattia per tanti anni con la forza dei suoi affetti e dei suoi libri, alla fine Enzo Gradassi ci ha lasciato.

Arguto e meticoloso, pungente e selettivo, nei suoi libri Enzo è stato scrittore essenziale quanto nella vita prodigo e veritiero affabulatore di cronaca e storia. Partigiano nel senso migliore, cioè colui che sa vedere ragione e torto e decide di schierarsi dalla parte giusta, pur senza disconoscere le contraddizioni che vita e storia ci presentano. E partigiano nel voler ricostruire fino al dettaglio vari accadimenti della Resistenza aretina per consegnarli a chi ignora, a chi dimentica, a chi non vuole che si ricordi.

Enzo Gradassi è stato giornalista, ricercatore delle tradizioni popolari e poi scrittore di varie storie della nostra terra, indagate con la passione dello scopritore e lo scrupolo dello storico e poi raccontate con stile asciutto e senza prosopopea. Dalle sue tante storie “minori” sono emerse vicende umane, politiche, sociali che spiegano e imprimono la cifra alla storia “grande”.

Per molti aretini Enzo è stato un amico e un compagno, per altri un impareggiabile narratore di tante nostre radici. Per tutti un uomo verso il quale serbare riconoscenza e affetto.

Arezzo 2020, il tempo di cambiare