Arezzo protagonista nel numero di marzo della rivista “Itinerari e luoghi”

La penna di Chiara Nocchetti e le immagini di Enrico Caracciolo dedicano alla città toscana e alle sue eccellenze un reportage di ben 21 pagine

Una meraviglioso scatto di Piazza Grande e in particolare della scala di Fraternita fa bella mostra di sé sulla copertina del numero di marzo di “Itinerari e Luoghi” il prestigioso mensile in formato tascabile che da oggi, 26 febbraio, è disponibile in tutte le edicole italiane.

“Materia Viva” è il titolo del reportage di ben 21 pagine, attraverso le quali la penna di Chiara Nocchetti e le immagini di Enrico Caracciolo (che è anche il direttore della pubblicazione), raccontano Arezzo, le sue bellezze storiche, artistiche e architettoniche, i suoi appuntamenti unici e speciali come la Giostra del Saracino o la Fiera Antiquaria e ancora le sue eccellenze enogastronomiche, le curiosità, le opportunità di shopping.

Un viaggio raccontato in modo emozionale che, come scrivono gli autori nell’introduzione, si muove attraverso “sentieri di parole, luoghi di carta, momenti di conoscenza che rivelano una profonda vitalità, autenticamente toscana”. E la bellezza di Arezzo viene evidenziata dalle fotografie che accompagnano il testo.

“Vivere Arezzo per poi poterla raccontare ai lettori è stato un piccolo grande viaggio – dice Enrico Caracciolo, direttore di Itinerari e Luoghi – E anche un privilegio perché scoprire posti che non tradiscono la propria identità attraverso persone che amano raccontare il Genius loci della città è l’esperienza più bella per chi ama viaggiare. La mission di Itinerari e Luoghi è la narrazione oltre i luoghi comuni, lentamente e in punta di piedi. E Arezzo si è meritata anche la copertina”.

Uno spazio particolare è dedicato anche alla Fondazione Arezzo Intour presentata come modello di gestione del turismo, che ha collaborato alla realizzazione del servizio.

“Siamo felici – commenta Marcello Comanducci presidente della Fondazione Arezzo Intour – di come Arezzo viene raccontata da “Itinerari e Luoghi”: ne emergono l’eleganza, la raffinatezza e la poesia. Un orgoglio anche vedere Piazza Grande sulla copertina di quella che ad oggi è una rivista cult per chi ama viaggiare. La Fondazione Intour ha volentieri accolto gli autori che hanno saputo magistralmente narrare gli aspetti di unicità che la nostra città presenta”.