Bibbiena, un bilancio delle attivita’ nella gestione dell’emergenza

Si sta concludendo in queste ore la terza e ultima consegna a casa delle mascherine della Regione Toscana da parte dei volontari della Protezione civile del Comune di Bibbiena.

Al termine di questa operazione saranno state portate nelle case dei bibbienesi ben sette mascherine a testa per un totale di 90 mila dispositivi di protezione personale.

 

Il Sindaco del Comune di Bibbiena Filippo Vagnoli commenta: “La distribuzione della prima parte è iniziata lo scorso 7 aprile e in circa 40 giorni abbiamo portato direttamente nelle case di cittadini un numero enorme di dispositivi di protezione personale grazie alla Protezione civile regionale ed ad Aruba che le hanno donate. Aver fatto ben tre distribuzioni in poco più di un mese è un record importante che racconta, al di là dei numeri, il lavoro fatto da oltre 100 volontari che si sono resi disponibili ad offrire il loro aiuto nella fase di emergenza”.

 

Ma i numeri della prima fase per quanto riguarda il Comune di Bibbiena sono anche altri.

  • Due mesi fa è stato attivato per volontà del Sindaco il Tavolo di protezione civile comunale che ha raccolto i volontari delle Misericordie di Bibbiena e Soci e quelli della Croce Rossa italiana per un totale di 100 volontari.

 

  • Sono state gestiti con l’acquisto di materiali per l’ospedale di Bibbiena i 30 mila euro donati dai casentinesi attraverso il conto corrente della Protezione Civile comunale.

 

  • Sono state aiutate tramite i Buoni Spesa e i pacchi alimentari 250 famiglie bibbienesi in difficoltà.

 

  • 200 servizi di spesa a casa e medicinali a casa

 

  • Sono state date ad oggi 8000 mascherine gratuite alle attività produttive

 

  • Dal 10 Marzo 2020 fino alla fine di Aprile, la Polizia Municipale di Bibbiena ha controllato 750 persone e 786 tra aziende ed esercizi commerciali.

 

  • Sono state realizzate 100 dirette Facebook per dare informazioni in tempo reale sull’emergenza Covid-19 ai cittadini

 

Il Sindaco Filippo Vagnoli commenta: “Oggi, giorno di una prima e significativa apertura, è tempo di bilanci e soprattutto ringraziamenti. I numeri parlano da soli, ma poi non raccontano tutto quello che c’è sotto, ovvero emozioni, paure e percorsi di una comunità. Per quanto mi riguarda sento la necessità di ringraziare innanzitutto la mia squadra, tutti gli assessori ed i consiglieri che si sono resi disponibili ad un lavoro di gruppo intenso e in certi momenti anche molto impegnativo vissuto accanto ai nostri cittadini ed iniziato con la quarantena di oltre duecento bambini, un battesimo di fuoco che ci ha reso più forti e determinati. Un ringraziamento va ai volontari del tavolo della Protezione civile, alle Misericordie, alla Croce Rossa. Uno importante alle forze dell’ordine, al Capitano dei Carabinieri Giuseppe Barbato che con la sua attività ha aiutato la nostra vallata a limitare i contagi facendo una vera e propria indagine dei casi che si presentavano volta per volta, al Dottor Vigiani dell’Igiene Pubblica per un lavoro fatto con costanza, professionalità e tanto cuore. A tutti i nostri sanitari ospedalieri e di distretto; ai Vigili del Fuoco e ai Carabinieri in Pensione e al Comandante della Polizia Municipale per aver organizzati controlli, e a tutti gli uffici comunali per il grande lavoro svolto. Infine, ma non per ultimo un grazie a tutti i cittadini e le aziende che hanno risposto agli appelli, che hanno lottato, che non si sono arresi, a tutti loro che hanno accolto, chiesto e rispettato le regole fino ad oggi. Grazie a chi ha donato. Ho sentito in questi due mesi il loro affetto, il loro sostegno, ma anche la loro forza che ci è servita per comprendere al meglio le situazioni ed agire di conseguenza”.