Castiglion Fiorentino, da oggi una carrozza quadriciclo, realizzata da Silvio Baldetti, è esposta nell’androne di palazzo San Michele

Silvio Baldetti grazie al suo ingegno si è superato ancora. Dopo aver restaurato fedelmente ben 47 moto e 11 macchine, tra cui una serie di grosso prestigio, in questo periodo di lockdown, ha prima pensato e poi realizzato una carrozza quadriciclo che da oggi può essere ammirata nell’androne del comune di Castiglion Fiorentino.

“L’idea” – racconta Silvio Baldetti, maestro del ferro che ha operato sempre nel settore meccanico a Castiglion Fiorentino fondando più di mezzo secolo fa la O.M.B. 50 anni di attività – “è nata un paio di mesi fa, fine ottobre scorso, quando visitando i vari stand della mostra scambio di Padova, una fra le più importanti d’Europa nel settore macchine e moto d’epoca, ho trovato un esemplare che mi ha colpito e l’ho fotografato. Tornato a casa ho cercato” – continua – “nelle varie pubblicazioni questo particolare modello e confrontandolo con le foto ingrandite realizzate alla fiera di Padova ho deciso, la sera stessa, che potevo costruirla grazie alle mie capacità ed alla mia creatività”. Una settimana per pensare, quindi, e il periodo d’isolamento per la pandemia per realizzare la carrozza.

“Dapprima ho iniziato a disegnare il progetto partendo dalle ruote fino al telaio e alla sua parte strutturale tenendo conto che questo modello funziona al contrario rispetto ad una normale macchina. Poi, costruito la parte strutturale, mi sono dedicato a quella meccanica, freni, cambio, frizione ect per arrivare, poi, alla parte più complessa quella dell’apparato sterzante. Il lavoro finale è stato frutto di mille prove, frutto della mia passione e della mia esperienza nel settore meccanico”.

“Dall’estro e dalla creatività dell’imprenditore Castiglionese Silvio Baldetti, durante la quarantena è stata realizzata interamente a mano questa carrozza quadriciclo che si rifà a quelle in uso a fine ‘800. Fantasia al potere che da queste parti non si ferma mai” conclude il sindaco Mario Agnelli.