Castiglion Fiorentino, premiati i vincitori della prima edizione del concorso di arti grafiche “San Michele Arcangelo, eroe dei nostri giorni”

Castiglion fiorentino
Castiglion fiorentino

Si chiamano Damiano Soggetti, Niccolò Milighetti e Samuele Cateni e sono i vincitori del del concorso di arti grafiche “San Michele Arcangelo, eroe dei nostri giorni”, dedicato al Santo Patrono di Castiglion Fiorentino. I primi due Soggetti e Milighetti sono i vincitori ex-aequo della prima categoria, 5-10 anni, mentre per la seconda categoria è risultato vincitore Samuele Cateni.

La premiazione si è svolta questa mattina nei pressi di Porta Romana, quartiere che ospita la statua di San Michele, nella nicchia sopra Porta Romana, e dove ogni anno , 8 maggio, viene celebrata la festa del Santo Patrono. “L’ampia adesione di diversi ragazzi, in un periodo non facile con il blocco degli eventi e delle attività in presenza delle scuole, ci ha resi ancor più soddisfatti, poiché ha dimostrato da parte dei nostri giovani il senso di appartenenza al territorio e alla amata figura del Santo Patrono. Ci piace pensare che questa sarà una delle tante iniziative che in futuro coinvolgeranno i nostri giovanissimi in attività ed eventi riguardanti figure o tematiche rappresentative del nostro territorio e per la conservazione della memoria storica. Nell’occasione si ringraziano i tre Rioni per la presenza sia a tale premiazione che ai precedenti festeggiamenti “ridotti” di San Michele e, in particolare, Porta Romana che ha emozionato i Castiglionesi la sera dell’otto maggio con la frase “Sub umbra alarum tuarum protege Castiglionenses”, proiettata al termine di un filmato a sorpresa, per invocare la protezione del Santo sull’intera cittadinanza in un momento così difficile per tutti. Auguro a tutti i ragazzi di continuare a vivere il paese con grande sentimento e a mettere a frutto la loro creatività, sperando anche che molti possano dare un domani anche il loro contributo attraverso l’impegno civico!” afferma Rosanna Martini, consigliere comunale a identità, cultura, territorio, manifestazioni e folclore.

“Il concorso non era altro che una delle tante iniziative che avrebbero arricchito il cartellone degli eventi primavera-estate in programma in questo 2020. Purtroppo la pandemia ci ha costretto a modificare le date ma abbiamo voluto mantenere questa iniziativa che contribuirà ad arricchire le celebrazioni del Santo Patrono che si svolgono a Porta Romana nei prossimi anni” conclude il sindaco Mario Agnelli.