Castiglioni nel Cuore: “Il Sindaco, su questa faccenda dei conti del comune, continua rilasciare interviste, segno evidente che qualcosa non torna”

Loggiato Vasariano
“Il Sindaco, su questa faccenda dei conti del comune, continua rilasciare interviste, segno evidente che qualcosa non torna. Infatti, per lui, sottrarre tempo alla bicicletta o ai selfie, è davvero inconsueto. Ci fa piacere che finalmente torni a fare l’amministratore comunale ma non ci piace che lo faccia imbrogliando le carte.
Stavolta non può dare colpe a nessuno. Se oggi, le casse comunali piangono e i castiglionesi si troveranno a dover sborsare 1.558.000 euro di interessi aggiuntivi fino al 2043, la responsabilità è solo sua. E non basta recitare la parte della vittima delle politiche vessatorie del governo, perché il governo ha già dato un bel po’ di soldi a Castiglion Fiorentino e altri arriveranno. Rinegoziare i mutui non è stata una scelta obbligata ma una scelta politica e non è vero che così facendo si sono risparmiati 400.000 euro.  Allungando la durata dei prestiti  (fino al 2043….), il debito residuo verrà spalmato in più anni, facendo così abbassare l’importo delle rate da pagare (ecco i 400.000 da dove vengono fuori), ma alla fine i castiglionesi, i loro figli e i nipoti le pagheranno, con tanto di interessi aggiuntivi.
La Giunta comunale ha scelto di non abbassare le tasse, ha scelto di far pagare fino all’ultimo centesimo i servizi mentre la nettezza urbana non diminuisce nonostante la raccolta differenziata. Dove sono finiti negli ultimi 4 anni i soldi dei castiglionesi?  “Caro” Sindaco, feste, banchetti, interviste e un apparato mediatico costruito tutto sulla tua persona, costano cari e il conto prima o poi arriva. Volete qualche esempio: soldi spesi in consulenze per organizzare feste, 50.000 euro per le festività di Natale, 40.000 euro per spettacoli teatrali sotto la torre, dove erano più i biglietti gratis che quelli a pagamento, somme ingenti destinate a foraggiare le smanie mediatiche del Sindaco. E’ inutile che il Vicesindaco Milighetti, altro attore in commedia di questa farsa giocata sulla testa dei castiglionesi, dichiari solennemente che le opposizioni sono “ottuse”. Se essere ottusi vuol dire non pensarla come lui, ci ha fatto un complimento. Infatti, scegliere di ricorrere a un ulteriore indebitamento del comune, inchiodandolo per i prossimi anni, è una decisione che noi contestiamo, non dal punto di vista tecnico ma politico. Se gli amministratori avessero sprecato meno, i castiglionesi oggi si troverebbero a navigare in acque più tranquille.
Valutazioni sbagliate che insieme ai soldi buttati dalla finestra hanno portato a questa situazione.
Per non parlare poi del mutuo da 1 milione di euro a tassi agevolati restituito anticipatamente, guarda caso, in piena campagna elettorale….anche li non ce la raccontano giusta.
Ma state tranquilli che arriveremo fino in fondo alla questione e, se le cose saranno come pensiamo, gli dedicheremo un capitolo a parte….
Su una cosa siamo d’accordo con Agnelli, quando afferma che “oggi siamo di fronte a una situazione grave e delicata”, VERISSIMO. Noi siamo pronti a fare la nostra parte come abbiamo sempre dichiarato e dimostrato, ci auguriamo che anche dalla maggioranza arrivi qualche segnale, differente da quelli arrivati fino a oggi.
Gruppo Consiliare Castiglioni nel Cuore