Coingas, chiuse le indagini. Ghinelli coinvolto in tre filoni

Consulenze Coingas, nomina presidente Multiservizi e presidente Estra. Chiuse le indagini. Tredici i destinatari degli avvisi spediti dal Pm Claudiani.

Tra questi il sindaco Ghinelli che viene nominato in tre filoni interni con contestati reati di abuso d’ufficio in concorso e favoreggiamento in concorso.

Novità rispetto alle carte già emerse è che a Ghinelli viene contestato, in concorso con Sergio Staderini, Albero Merelli e Francesco Macri’ l’abuso di ufficio per la nomina di quest’ultimo a membro del Cda e poi a presidente di Estra. Viene contestato la violazione di legge che vieta incarichi amministrativi in una società privata a partecipazione pubblica, a chiunque sia stato consigliere comunale nell’arco dell’anno precedente alla nomina.

L’elenco degli indagati e dei reati contestati: Sergio Staderini (peculato per il caso Coingas, favoreggiamento per Multiservizi, abuso d’ufficio per Estra). Pier Ettore Olivetti Rason (peculato per caso Coingas); Jacopo Bigiarini (peculato per la vicenda Coingas) e Marco Cocci (peculato per Coingas), Alberto Merelli (abuso di ufficio e favoreggiamento per Coingas, abuso di ufficio anche per Estra); Francesco Macrì (abuso di ufficio per la sua nomina). Alessandro Ghinelli (abuso di ufficio e favoreggiamento per Coingas, favoreggiamento per Multiserizi, abuso di ufficio per Estra). Tra questi anche Stefano Pasquini (favoreggiamento per Coingas); Mara Cacioli (favoreggiamento per Coingas), Franco Scortecci (favoreggiamento per Coingas), Roberto Bardelli (corruzione per Multiservizi); Lorenzo Roggi (corruzione per Multiservizi); Luca Amendola (corruzione per Multiservizi).

Adesso gli indagati hanno venti giorni di tempo per chiedere controdeduzoni. Poi sarà il pm, Rossi subentra a Claudiani che condotto e depositato la chiusura delle indagini prima del trasferimento a Perugia , a chiedere il rinvio a giudizio oppure l’archiviazione.