Coro Voceincanto: “sempre con la musica in testa ma… #iorestoacasa”

Il Coro Voceincanto aderisce alla campagna #iorestoacasa nata spontaneamente sulla rete e rilanciata dal ministro per i beni e le attività culturali e per il turismo Dario Franceschini che invita a limitare le relazioni sociali per combattere la diffusione del Covid-19.

Arezzo, 10 marzo 2020. Il Coro Voceincanto si unisce ai tanti artisti e alle istituzioni culturali del panorama nazionale che in queste ore stanno aderendo all’iniziativa #iorestoacasa, rilanciata dal Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo, e si rivolge direttamente agli aretini, agli artisti e agli amanti della musica vicini e lontani.

Sempre con la musica in testa…ma #iorestoacasa. Questo il messaggio lanciato dal coro aretino e dal Maestro Gianna Ghiori a tutti gli amanti della musica vicini e lontani: “Amici, oggi vogliamo lanciarvi un messaggio importante #iorestoacasa. Abbiamo scelto di aderire alla campagna MiBACT e di usare il nostro canale Facebook per lanciarvi un messaggio che ci sta particolarmente a cuore. #iorestoacasa per limitare la diffusione del virus. #iorestoacasa per proteggere le persone che amo, i miei amici, la famiglia e i miei nonni, i più fragili in questo momento storico. #iorestoacasa perché fin da piccolo vivendo la coralità ho imparato cosa significhi fare parte della mia comunità e voglio prendermene cura. Il nostro amore per la musica non passerà. Dobbiamo solo aspettare, con coscienza e responsabilità che passi questo momento, facendo la nostra parte. Torneremo a far risuonare la nostra voce nelle chiese, nelle piazze e nei teatri. Questo è il tempo dell’attesa, dello studio, della presenza nell’assenza. Per questo vi invitiamo tutti ad aderire alla campagna #iorestoacasa e a farla “risuonare” ovunque sui social”.

Anche i più piccoli possono fare molto. Il Maestro Gianna Ghiori, direttore del Coro Voceincanto commenta: “Colpisce come anche i più piccoli del Voceincanto si sentano chiamati a dare il proprio contributo in questo momento. La spontaneità con cui si sono mossi ci dice tanto del loro senso di comunità ed è per me come un raggio di sole in questo momento buio. Possono davvero insegnarci molto: sono piccoli sì, ma dal cuore grande”.