Dl Semplificazioni. Tiziana Nisini (Lega): “Governo penalizza i più deboli creando solo maggiore burocrazia”

Tiziana Nisini
Tiziana Nisini

“La maggioranza dichiara inammissibile un nostro emendamento che avrebbe consentito la possibilità, su tutto il territorio nazionale, di dare dignità agli assegnatari delle case popolari considerata anche la difficilissima situazione dell’edilizia residenziale pubblica nel nostro Paese.

Gli enti gestori e i proprietari del patrimonio Erp grazie all’emendamento avrebbero potuto usufruire degli sgravi fiscali previsti dal Dl Rilancio per gli interventi di efficienza energetica da loro effettuati. Era un provvedimento di buonsenso, di collaborazione che avrebbe consentito loro di finalizzare le migliorie energetiche,  senza rimanere schiacciati dal vincolo del rispetto della scadenza della data del 30 giugno 2022, termine ultimo dei pagamenti, e difficilmente rispettabile poiché i soggetti sono sottoposti al rispetto del codice dei contratti pubblici.


Sarebbe stata una svolta epocale, che avrebbe consentito la ristrutturazione di migliaia e migliaia di immobili popolari.
Il governo targato PD e M5S, invece, si è dimostrato sordo e ha chiuso le porte. Maggioranza schizofrenica, che sui territori, vedi Arezzo, fa campagna elettorale sullo stato degli immobili popolari, salvo poi fare l’opposto partito a livello nazionale. Chiedevamo meno burocrazia, fiducia e sostegno concreto: ci hanno risposto di no, come sanno fare benissimo. Sappiano, però, che il dispetto lo fanno al Paese non certo alla Lega. ”


Così la senatrice Tiziana Nisini, prima firmataria dell’emendamento respinto