Il Sindaco Menchetti ieri a Roma all’assemblea nazionale Anci

GINETTA MENCHETTI

La prima assemblea del nuovo Consiglio nazionale Anci si è tenuta a Roma il 16 gennaio ed ha visto una straordinaria presenza dei sindaci delegati. Molti e variegati i temi trattati, il presidente Decaro si è soffermato in modo puntuale sulla legge di bilancio, sul decreto fiscale e sul Milleproroghe che vedono l’accoglimento di alcuni emendamenti fatti da Anci in un’ottica di maggior agilità e semplificazione.

Devo confermare che alcuni passi avanti in questa direzione li abbiamo fatti ma molto rimane ancora da fare”, dichiara il Sindaco di Civitella in Val di Chiana, Ginetta Menchetti, eletta nel Consiglio nazionale Anci in rappresentanza del territorio aretino lo scorso 23 settembre.

In merito all’Odg sul sistema di tutela dei minori che conteneva già buone proposte, con il suo  intervento il Sindaco Menchetti ha sottolineato l’urgenza e la necessità della creazione di un fondo strutturale dedicato da una duplice valenza, da un lato continuare a tutelare i minori nel modo ritenuto più adeguato alla loro situazione e dall’altro contribuire a sollevare i Comuni dall’accollo totale di queste spese. Particolarmente nei piccoli e medi Comuni, questo tema può portare al dissesto degli stessi, visto gli altissimi costi  delle strutture dedicate. Inoltre Menchettiha ribadito anche la necessità di una concreta e reale semplificazione del sistema fiscale e degli adempimenti in generale, ma anche in questo caso con un’attenzione per i piccoli medi comuni che anche con personale eseguo poche unità devono comunque garantire gli stessi standard di adempimenti dei grandi comuni. Un ulteriore appello è stato fatto sull’edilizia scolastica, ilfabbisogno che emerge dalla programmazione nazionale per il triennio 2018/2020 evidenzia la necessità di investimenti pari almeno a 7/8 volte le somme al momento disponibili per interventi di adeguamento e messa in sicurezza.

Ultimo appello sulle infrastrutture”, conclude Menchetti, “indice di sviluppo e promozione di uno straordinario territorio come l’Italia, ma non possiamo attendere ancora su infrastrutture di primaria importanza”.