Il video degli alunni del Liceo Colonna insegna a restare vicini idealmente, come i docenti fanno con la didattica a distanza

La didattica a distanza, spinta dall’effetto coronavirus, è ormai entrata nella quotidianità di studenti e docenti.  Solo qualche mese fa, i dispositivi digitali sembravano per molti il male assoluto e ciclicamente sui giornali, in tv e sui social scoppiava qualche polemica su come e se utilizzare le tecnologie digitali a scuola e a casa. Ora il “se” è stato abolito e ci stiamo arrovellando sul “come” utilizzare la didattica multimediale, perché la scuola rimanga viva e non si fermi.

Il dirigente scolastico prof. Maurizio Gatteschi  ha deciso di organizzare attività didattiche a distanza per tutti gli alunni di tutte le classi del Liceo Colonna di Arezzo, coinvolgendo tutti i docenti dagli apocalittici agli integrati, creando una schiera di insegnanti volenterosi che, seppur impreparati per questa situazione, si sono rimboccati le maniche, hanno acceso smartphone e tablet, infilando le cuffiette, affollando i webinar e scaricando applicazioni di ogni genere.

“La scuola c’è, non siamo in vacanza- come riferisce il dirigente scolastico prof. Maurizio Gatteschi-  non ci siamo dimenticati neppure per un attimo dei nostri alunni”. Ed è proprio a questo messaggio di unione e di fratellanza  che hanno risposto le rappresentanti d’Istituto del Liceo Colonna Alessia Maggini, Clea Kapxhiu, Sofia Branchi, creando un video, dove hanno espresso le emozioni della nostalgia della scuola e la speranza del rientro.  L’incipit del video riporta: “Prima avevamo i nostri compagni di classe, ma non avevamo tempo/adesso abbiamo tempo ma non i nostri compagni”. “ Noi ragazzi del Colonna in questo momento…distanti, ma vicini”. Infatti seguendo le indicazioni del Cdm Cura Italia affermano”rimaniamo distanti oggi per abbracciarci domani, Fermiamoci oggi per correre più veloci domani”.

Il video, riporta poi svariate immagini in bianco e nero di moltissimi studenti del Liceo Colonna che, con il libro di scuola, emblema di cultura, allungano la mano simbolicamente verso gli altri ragazzi d’Italia e del mondo che sono lontani dalle scuole. “ Possono separarci una porta, un balcone, una strada, ma niente e nessuno potrà separare i nostri cuori”. Nella parte finale gli alunni del Colonna ringraziano “tutte le persone che lottano in prima linea contro il virus, i nostri medici, infermieri, sanitari dell’ospedale San Donato di Arezzo. “Il video- come afferma Alessia Maggini- serve a combattere  l’istinto atavico di guardare i nostri simili come una minaccia. Si ricorda nel video di utilizzare il pensiero razionale per preservare il bene più prezioso che possediamo, il nostro tessuto sociale, la nostra umanità”. “In un momento così difficile – racconta il docente referente Studenti del Liceo Colonna prof. M. Badiali -, dobbiamo essere uniti e guardare con speranza al bene comune, come gli alunni del nostro Liceo. Rimanere più vicini, anche se idealmente, come riporta il video, può aiutarci a sentirci sicuramente meno soli, poiché andrà tutto bene’”.