#laculturanonsiferma: visita online del Sistema Museale Castiglionese

Aderendo alla campagna lanciata dal MiBACT #iorestoacasa #laculturanonsiferma, anche il Comune di Castiglion Fiorentino invita a visitare il Sistema Museale Castiglionese collegandosi al link: http://www.museicastiglionfiorentino.it/virtual_tour_museo/virtual_tour_museo.html.

“Il progetto Virtual Tour, realizzato con tecnologie all’avanguardia per la fruizione multimediale e la promozione del Sistema Museale Castiglionese, diventa in questo particolare momento di emergenza sanitaria, uno strumento eccezionale per far conoscere, in modo intuitivo e dettagliato, il nostro patrimonio storico, artistico e archeologico” dichiara il direttore scientifico del Sistema Museale Castiglionese, Stella Menci.

Il Virtual Tour è un viaggio virtuale che permette di visionare a 360° i nostri musei. L’utente può virtualmente accedere all’area del Cassero, salire all’interno della Torre Medievale e affacciarsi al belvedere sulla Valdichiana. Seguendo semplici istruzioni il sito consente, inoltre, di visitare lo scavo archeologico, il Fondo Antico e la Pinacoteca Comunale con ambientazioni realistiche, ricostruzioni tridimensionali degli oggetti esposti, fotografie e pannelli esplicativi. Non è certo come ammirare i capolavori e le opere d’arte dal vivo, ma in tempi di quarantena forzata anche i musei, visitati virtualmente, possono essere un modo intelligente per impiegare il proprio tempo.

“Le consuete gite pasquali quest’anno avranno un connotato diverso ma potremo comunque godere delle bellezze storico-artistiche del nostro territorio. Collegandosi al link sarà possibile visitare il nostro patrimonio museale grazie al Tour Virtuale. Anche se a distanza prosegue, quindi, la nostra attività culturale. Dopo le iniziative che riguardano la lettura e l’attività della biblioteca, in queste festività, dovendo rimanere a casa, sarà possibile visitare il nostro Sistema Museale. Un modo diverso ma allo stesso modo interessante per trascorrere un pomeriggio di festa insieme alla famiglia” conclude l’assessore alla Cultura, Massimiliano Lachi.