Luciano Ralli: “un grande piano per ripartire”

Il candidato del centro sinistra apre la campagna elettorale per Arezzo

“Un grande piano per ripartire”: questo il messaggio di Luciano Ralli, questa la chiave di volta del programma del candidato a Sindaco del centro sinistra.
“Un centro sinistra ampio e aperto come mai in passato – ha affermato stamani in Sala Rosa presentando il manifesto della sua campagna elettorale. Abbiamo una coalizione solida e, anzi, che addirittura sta richiamando altri contributi e forze, cosa che ne fa e farà il gruppo di persone e di lavoro più esteso e unito della storia delle elezioni aretine. A chi si interroga ripetutamente sul nome di questa coalizione, dico che le persone vengono prima delle etichette, ma che l’Alleanza è pronta”.

Luciano Ralli ha annunciato l’avvio della sua attività: “abbiamo un programma di iniziative imponente, in tutto il comune, in ogni quartiere e, vorrei dire, in ogni caseggiato. Il primo grande snodo pubblico è già sul calendario e cioè giovedì 2 luglio”.
Il confronto sarà con il centro destra di Ghinelli: “un avversario che è lo stesso degli aretini: il vuoto, l’assenza di progetti seri di un gruppo politico, quello che sta ricandidando Ghinelli dopo mille titubanze, che ha vissuto finora di progetti molto modesti, che ha portato Arezzo a un pesante isolamento istituzionale e che ha condannato la nostra comunità a una visione di brevissimo termine, il conto della quale gli aretini stanno pagando in queste settimane e
pagheranno nei prossimi mesi”.

Ralli ha evidenziato il valore del progetto politico e amministrativo: “ci stiamo lavorando da settimane e il programma sarà un elemento centrale perché è il momento di dire basta all’improvvisazione in questa città. Arezzo non si può permettere, con la crisi che si sta
aggravando, 5 anni senza progetti di breve, medio, lungo termine. Se sarò eletto, mi prenderò ogni singola responsabilità delle sorti di Arezzo per l’intera durata del mio mandato. Con l’ascolto dei nostri concittadini, dei sindacati, delle associazioni, degli operatori economici, abbiamo preparato un grande piano per ripartire.

Ripartire
– ha sottolineato Ralli – da dove ci siamo fermati anni fa e da dove rischiamo di esserci fermati a causa dell’epidemia. Un piano è quello che è mancato in questi 5 anni nei quali il Comune non ha saputo parlare con la Regione e il Governo e che manca tutt’ora. È quello che presenteremo il 2 luglio pubblicamente per tutti, e poi nei quartieri e alle categorie durante l’intera campagna elettorale, fino all’ultima ora utile. Un grande piano che ci permetta di superare la crisi e le disuguaglianze che questa, inevitabilmente, si porterà appresso”.