Maxi operazione di carabinieri e guardia di finanza. Controlli a tappeto su strade e locali

I Carabinieri della Compagnia di San Giovanni Valdarno, in stretta sinergia con i colleghi della Compagnia Guardia di Finanza valdarnese, hanno effettuato un servizio coordinato di controllo del territorio, che ha abbracciato tutto l’arco della scorsa notte.

Il servizio, orientato sulla prevenzione e sul capillare controllo di veicoli e persone, ha visto inoltre la presenza, come supporto, di un’unità cinofila dei Carabinieri Cinofili di Firenze, specializzata nella ricerca di stupefacenti.

Tutti i Comuni del Valdarno sono stati interessati, secondo fasce orarie preordinate, dal dispiegamento dell’ingente dispositivo: sono state monitorate e filtrate le vie di accesso ai principali centri, con posti di controllo effettuati, quasi sempre, nel doppio senso di marcia. In particolare, il dispositivo è stato dispiegato su Montevarchi, San Giovanni Valdarno, Bucine / Ambra, Cavriglia, Terranuova Bracciolini e Castelfranco Piandiscò.

Le attività della Guardia di Finanza, oltre a monitorare la normale circolazione stradale, sono state orientate anche verso i compiti prettamente d’istituto, quali il controllo di automezzi di notevole cilindrata.

Carabinieri e Finanzieri, congiuntamente, hanno inoltre ispezionato quattro locali pubblici, nei quali la Guardia di Finanza ha riscontrato la presenza di un lavoratore in nero; anche l’unità cinofila dei Carabinieri ha verificato i locali commerciali, senza però individuare la presenza di stupefacenti.

Sono state passate al setaccio alcune aree ritenute più sensibili, quali il centro storico di Montevarchi, con la zona della Stazione ferroviaria e dei loggiati di piazza Vittorio Veneto, oggetto di una vera e propria cinturazione, con controllo capillare di tutti i presenti, identificati e controllati con l’unità cinofila.

Sotto osservazione anche le aree valdarnesi dove insistono maggiormente i locali della “movida”; tre persone sono state denunciate perché trovate alla guida con tasso alcolemico superiore al consentito.

Nel corso del servizio, coordinato direttamente dai Comandanti delle due Compagnie, è stato inoltre arrestato un albanese, già affidato in prova ai servizi sociali, per il quale l’autorità giudiziaria aveva disposto l’aggravamento della misura attuale con la custodia cautelare in carcere.

Durante l’operazione di controllo del territorio, che ha visto la partecipazione di 15 autovetture tra Carabinieri e Guardia di Finanza, alcune delle quali in abiti civili, sono stati controllati 91 mezzi, 171 persone, eseguite 3 perquisizioni, delle quali due domiciliari. Segnalato alla Prefettura un giovane del luogo, trovato in possesso di una modica quantità di hashish. Sono state inoltre elevate alcune contravvenzioni al codice della strada, per diverse violazioni.