Messa in sicurezza stradale, al via i lavori a Pratovecchio Stia. Altri 155 mila euro investiti

Nei giorni scorsi sono stati assegnati gli incarichi connessi alla variazioni di bilancio votate dal consiglio comunale a fine maggio, per un importo di 155.000 euro.
Oltre ai contributi per le attività produttive danneggiate dal COVID (25.000 euro), le variazioni hanno permesso di coprire le necessità dell’ufficio lavori pubblici. Così alla normale integrazione di metà anno di alcuni capitoli di spesa (erba, trattamento antizanzare, segnaletica, materiali di consumo per i lavori stradali etc), si sono aggiunti gli investimenti per la costruzione dei nuovi loculi nel cimitero di Pratovecchio e la messa in sicurezza stradale. Nel primo caso all’iniziale stanziamento di 50.000 euro è stato necessario aggiungere altri 34.000 euro, visto che il progetto prevede un costo totale di 84.000 euro. Nel secondo caso invece, l’amministrazione ha voluto fornire una prima risposta alla più urgenti necessità di messa in sicurezza stradale, rimandando ulteriori interventi alle variazioni di bilancio che saranno effettuate a luglio. Gli interventi, che saranno effettuati a breve, riguardano l’installazione di circa 200 metri di guard rail in tre tratti divenuti particolarmente pericolosi:

– 85 metri saranno posizionati sulla strada del Catero, da poco oggetto di un bellissimo intervento di recupero del tratto franato da parte del consorzio di bonifica, con un finanziamento della Regione Toscana. In seguito a questo intervento e alla successiva sistemazione del fondo stradale sarà possibile riaprire la strada dopo quasi un decennio di chiusura.
– 74 metri saranno posizionati nell’ultima curva prima di giungere all’abitato di Casalino, divenuta pericolosa a seguito del taglio delle piante poste al limitare della strada
– 41 metri, infine, saranno posizionati sulla strada che da Casadino va verso Campolombardo, dove ormai si era deteriorata una piccola preesistente protezione in legno che abbiamo deciso di ampliare. A questi tre interventi si aggiunge anche il secondo incarico per le verifiche strutturali di Piazza della Repubblica, dopo che già nel 2019 era stato finanziato un primo stralcio di analisi.

“Visto che il periodo di costruzione della copertura dello Staggia corrisponde a quello di tanti ponti che in questi anni stanno evidenziando criticità, vogliamo essere sicuri che l’opera continui a garantire piena e completa sicurezza – ha spiegato il sindaco Nicoló Caleri – sappiamo che esistono anche altre necessità di messa in sicurezza del territorio e sicuramente le affronteremo col proseguire dei mesi, a partire dalle prossime variazioni di metà luglio, man mano che avremo contezza delle disponibilità del bilancio comunale”.