Volontariato, ad Arezzo spazio ai giovani: 23mila euro per 5 progetti nella provincia

Cesvot investe sulle nuove generazioni con un bando regionale  da 380mila euro. Al via da gennaio iniziative sociali rivolte ai giovani, dai percorsi naturalistici alle attività culturali 

Arezzo, 9 novembre 2020 –  Giovani che si sono messi in gioco e hanno soccorso e confortato chi era in difficoltà durante il lokcdown della scorsa primavera. E’ la nuova generazione di volontari aretini che in questi mesi hanno aiutato chi dalla pandemia è stato colpito più duramente, come  i bambini e i giovani chiusi in casa senza scuola e amici.

Per questo Cesvot ha scelto di investire su di loro, per valorizzare quanto di bello è stato fatto in queste settimane e farlo diventare patrimonio comune, mettendo a disposizione  a livello regionale più di 380mila euro attraverso il bando “I giovani per il volontariato”.

Il progetto è stato realizzato grazie al contributo di Regione Toscana-Giovanisì in accordo con il Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale e con il contributo di Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze e di Fondazione Monte di Paschi di Siena.

Sono stati finanziati  62 progetti su tutto il territorio regionale, nati allo scopo di affrontare la fase emergenziale e post emergenziale della pandemia. 41 sono stati promossi da organizzazioni di volontariato, 17 da associazioni di promozione sociale e 4 da onlus. 

Ad Arezzo i progetti vincitori sono 5, finanziati dal bando Cesvot per un totale di circa 23mila euro. Sono idee che si ispirano ai valori del Terzo Settore e calati nel contesto attuale. Con tutte le accortezza del caso, sono state finanziate iniziative di animazione culturale o  di aggregazione e socializzazione, soprattutto con  i più giovani, per recuperare il patrimonio di relazioni che questa emergenza sanitaria ha pesantemente intaccato.

Ci sono percorsi artistici che culmineranno in festival e contest musicali, di cinema e scrittura e, ancora, incontri con gli studenti e attività online per avvicinarli al mondo dell’associazionismo. Finanziati anche progetti per la scuola del Fiume, che ha come protagonista il torrente Chiassa e si sviluppa in attività didattiche all’aperto, doposcuola e percorsi naturalistici. Coinvolto anche la Fraternità di Romena, dove giovani si incontreranno per confrontarsi e crescere

La progettazione e realizzazione dei progetti vede sempre protagonisti i giovani volontari, che attraverso l’utilizzo del web metteranno in rete le buone pratiche per una maggiore condivisione e confronto. Tutte le iniziative partiranno a gennaio 2021 e dureranno un anno.

E’ questo il momento di dare nuova energia al Terzo Settore, formando e valorizzando una nuova generazione di volontari – ha detto il presidente della Delegazione Cesvot di Arezzo, Leonardo Rossi –  Investire sulle nostre ragazze e sui nostri ragazzi, in un momento così delicato, è la scelta più lungimirante che si possa fare. Siamo rimasti sorpresi dalla qualità dei progetti presentati e dalla capacità di contestualizzare le iniziative, allineandole ai bisogni reali dei territori. Siamo certi che l’anno prossimo, quando i progetti diventeranno realtà, tutta la nostre rete di associazioni sarà più ricca a beneficio dell’intera comunità”.