Aiuti alle società termali che hanno patito perdite per le chiusure imposte dal Covid-19

I contributi a fondo perduto sono rivolti ad uno dei settori più colpiti dall’emergenza legata al Covid-19 in quanto rimasti a lungo chiusi.

Contributi a fondo perduto per chi gestisce stabilimenti termali, uno dei settori più colpiti dall’emergenza legata al Covid-19 e rimasti a lungo chiusi. Il sostegno è stato deciso in Toscana dalla giunta regionale, che ha affidato a Sviluppo Toscana la gestione del bando appena pubblicato. A disposizione ci sono 500 mila euro di risorse Por Creo 2014-2020 e le domande potranno essere inviate dalle ore 9 del 9 dicembre 2021 fino alle ore 17 del 23 dicembre.

La misura si rivolge alle micro, piccole e medie imprese che nel 2020 abbiano registrato una flessione di fatturato o corrispettivi di almeno il 20 per cento rispetto al 2019. Sono previsti contributi da un minimo di mille euro ad un massimo di 50 mila euro: naturalmente il sostegno non potrà essere superiore alle perdite patite.

Per le aziende che abbiano iniziato ad operare dopo gennaio 2019, il raffronto di fatturato non riguarderà l’intero anno. Chi ha avviato l’attività nel 2020 riceverà invece un contributo forfettario di 1000 euro.