L’allarme del Sunia: “Dopo lo sblocco dei licenziamenti, anche quello degli sfratti”

Stefania Teoni
Stefania Teoni

La Giunta comunale di Arezzo ha deciso di costituire la Commissione territoriale per il disagio abitativo, così come previsto dalla legge regionale. La delibera è arrivata dopo la richiesta del Sunia, fortemente preoccupato per la pesante situazione abitativa che si profila nel prossimo futuro quando cesserà il blocco degli sfratti e, contemporaneamente, verrà meno il blocco dei licenziamenti. I comuni si troveranno al centro di una situazione estremamente pesante.

Iniziative simili si stanno tenendo in tutte le provincie della Toscana, è aperto un confronto a livello regionale e i sindacati stanno premendo sul Governo affinché in questa complicata fase il problema casa non venga trascurato.

SUNIA ritiene che necessario che istituzioni e sindacati lavorini insieme per salvaguardare sia chi rischia di perdere la casa, sia i piccoli proprietari che dall’affitto ricavano un reddito essenziale per vivere.

Tuttavia, se un passo è stato fatto, molto resta da fare. Coordinare e tirare le fila di una commissione così complessa e con una così ampia varietà di interlocutori non sarà facile.

Per questo auspichiamo che il comune capofila che ha avviato la costituzione della commissione, voglia coordinare una attività così complessa mettendo a disposizione una struttura apposita cui fare riferimento.