L’esperienza di Bibbiena con il drone atterra all’Earth Technology Expo

Una vetrina di importanza internazionale per condividere le nuove frontiere della tecnologia e dell’innovazione

Il Comune di Bibbiena è l’unico in Toscana ad avere un pilota di Droni professionista nello staff del sindaco. Per questo motivo e anche per l’utilizzo che l’amministrazione fa del drone come strumento utilizzato per informare al meglio il cittadino dei lavori che si svolgono nel proprio territorio e i loro progressi nel tempo, che il Sindaco di Bibbiena in qualità di responsabile Anci Toscana per l’Innovazione e Iulian Jicu, pilota professionista, questa mattina hanno presenziato come relatori all’evento tecnologico dell’anno a Firenze.

Si tratta dell’Earth Technology Expo alla Fortezza da Basso a Firenze, una vetrina di importanza internazionale per condividere le nuove frontiere della tecnologia e dell’innovazione, un luogo dove poter condividere con il mondo le buone pratiche dei territori toscani.

Ad aprire la sessione mattutina “la PA decolla: le prospettive dei droni”, è stato proprio il Sindaco di Bibbiena Filippo Vagnoli come referente Anci Toscana per l’innovazione.

Nella stessa mattinata è stata presentata l’esperienza di Bibbiena con la relazione dal titolo “Un pilota in comune: il drone a 360 gradi” dove lo stesso Sindaco e il pilota professionista Iulian Jicu hanno parlato del percorso iniziato da pochi mesi da Bibbiena con l’utilizzo dei droni anche nel campo della comunicazione pubblica.

Il Sindaco Vagnoli commenta: “Siamo di fatto la prima amministrazione in Toscana ad avere nello staff del sindaco un pilota di droni professionista. La pandemia ha reso certe tecnologie ancora più importanti e pervasive. Nelle pubbliche amministrazioni i droni vengono utilizzati per attività di monitoraggio, ma i campi di utilizzo sono molto più vasti. Anche Anci Toscana ha promosso, recentemente, una iniziativa formativa in collaborazione con la Regione Toscana, al fine di favorire l’uso dei droni nella pubblica amministrazione per coadiuvare i professionisti nel rilevo di beni culturali e artistici.

Un tema nuovo quello dell’uso della tecnologia offerta dai droni che rivela enormi potenzialità, e risulta utile ed efficace per semplificare numerose attività tipiche delle amministrazioni locali, come i rilievi dell’ufficio tecnico, la rilevazione di sinistri da parte della Polizia municipale, il monitoraggio dei cantieri, l’aggiornamento del catasto incendi boschivi e il monitoraggio ambientale. Come amministrazione utilizziamo il drone anche per una finalità comunicativa, ovvero far vivere al cittadino lo stato di avanzamento dei lavori più importanti che si tengono sul territorio. Essere qui a Firenze oggi a parlare al mondo di questa nostra particolarità ci rende sicuramente molto onorati”.