Morte Michele Merlo, i genitori presentano denuncia: “Verificare eventuali errori”. La Procura apre un fascicolo

I genitori di Michele Merlo depositeranno una formale denuncia per chiedere l’avvio delle procedure di sequestro della salma e delle cartelle cliniche dopo la morte del figlio, avvenuta per una leucemia fulminante la sera 6 giugno all’ospedale Maggiore di Bologna. A renderlo noto è una nota ufficiale, che Domenico e Katia Merlo hanno rilasciato a seguito dell’indagine interna avviata dalla Ausl della città per ricostruire la vicenda.

LA PROCURA BOLOGNA APRE UN FASCICOLO CONTRO IGNOTI PER OMICIDIO COLPOSO

La Procura di Bologna apre un fascicolo contro ignoti per omicidio colposo sulla morte di Michele Merlo, il cantante 28enne deceduto domenica sera all’Ospedale Maggiore a causa di un’emorragia cerebrale provocata da una leucemia fulminante. Le indagini sono state avviate dopo che i familiari dell’artista hanno depositato una formale denuncia con cui chiedono, anche alla luce dell’indagine interna decisa dall’Ausl bolognese, l’intervento della magistratura e lo svolgimento di un’autopsia. E proprio per consentire che venga effettuato l’esame autoptico e per far sì che vengano svolte “le attività investigative connesse”, il procuratore capo Giuseppe Amato comunica, in una nota, l’apertura del fascicolo. Al momento, conclude Amato, la Procura “non ritiene di rilasciare ulteriori particolari sulle indagini”.

PER I FUNERALI SI ATTENDE LA MAGISTRATURA

I due coniugi chiedono “alla magistratura di svolgere le necessarie indagini al fine di verificare se vi siano stati errori o omissioni antecedenti al ricovero al Maggiore che abbiano determinato irreversibilmente la sorte del proprio figlio”. Il 28enne è deceduto nel reparto di terapia intensiva per le conseguenze di un’emorragia cerebrale provocata dalla malattia. Mike Bird, questo il nome d’arte del cantante di Amici 16, “si sentiva male da giorni e mercoledì si era recato presso il pronto soccorso di un altro ospedale del bolognese che, probabilmente, scambiando i sintomi descritti per una diversa, banale forma virale, lo aveva rispedito a casa”. Questa la cronologia degli eventi raccontata dai genitori dopo l’accaduto. La data dei funerali di Michele, fanno sapere Domenico e Katia, “verrà comunicata solo dopo che l’autorità giudiziaria avrà deciso quali azioni intraprendere”.

Agenzia DIRE
www.dire.it