Poker amaranto, l’Arezzo travolge la Vis Pesaro (4-2)

AREZZO-VIS PESARO 4-2

8′ Cutolo (rig.), 27′ Carletti, 38′ Di Paola (rig.), 40′ Benucci, 54′ Carletti, 89′ Pannitteri

AREZZO (4-3-3): Sala, Luciani, Sbraga, Pinna, Benucci (80′ Kodr); Ventola, Arini, Altobelli; Di Grazia (60′ Zitelli), Carletti (69′ Stampete), Cutolo (80′ Di Nardo). Allenatore Roberto Stellone

VIS PESARO (3-5-2): Bertinato; Ferrani (67’Stramaccioni), Brignani, Di Sabatino; Tessiore, Ejjaki (52′ Marchi), Gelonese (63′ De Feo), Di Paola, Giraudo; Cannavò (63′ Pannitteri), Gucci (67′ Germinale). Allenatore Daniele Di Donato.

Arezzo travolgente e padrone del campo del primo minuto fino al 94′. La squadra messa in campo da Stellone oggi, con la novità Di Grazia, è piena di grinta e determinazione, attenta e capace di sviluppare ottime trame di gioco. Una partita e una squadra così l’attendavamo da inizio stagione e se arriva oggi forse miglior momento per raggiungere i playout non poteva esserci. Squadra che ha lottato per tutto il match con tutta la grinta e il cuore che queste ultime partite richiedono. Nessuna distrazione, atteggiamento giusto, nessun giocatore che abbia mollato mai un pallone, un centimetro per raggiungere l’obbiettivo della vittoria. Vittoria che da tanta fiducia e morale a tutti per gli ultimi tre match salvezza. Domenica prossima l’Arezzo si giocherà tantissimo sul campo del Legnago oggi vittorioso sul campo del Mantova, sarà una partita decisiva per le sorti amaranto e il raggiungimento dei playout, ma stasera c’è solo da incassare i tre punti e gustare fino in fondo questa splendida vittoria.

LA PARTITA

Il match è di quelli da dentro o fuori per entrambe le squadre. L’Arezzo deve mantenere viva la speranza dei playout e salvarsi in primis dalla retrocessione diretta mentre la Vis Pesaro guidata in panchina dall’ex Di Donato vuole raggiungere la salvezza diretta prima possibile. La partita nonostante le numerose assenze e la squalifica di Cherubin non ammette attenuanti. Stellone manda in campo Di Grazia e Benucci al posto di Iacoponi e Di Paolantonio. Per la Vis Pesaro nessuna novità Di Donato conferma gli undici della vigilia.

Si parte l’Arezzo torna in campo tra le mura amiche con la maglia amaranto, squadra subito determinata fa la partita mentre la Vis Pesaro prova a mettere la partita sul piano fisico.

Arezzo in vantaggio. Vantaggio amaranto dopo 8′ grazie a Cutolo che calcia magistralmente il rigore assegnato da Feliciani. Carletti è bravo a raccogliere la palla in area e subito dopo viene atterrato da Di Sabatino. Dopo il vantaggio l’Arezzo non cambia e continua a giocare nella metà campo avversaria cercando il raddoppio, in evidenza Carletti. 

Raddoppio Arezzo. Carletti firma il raddoppio al 27′ raccogliendo l’assist di Cutolo. Il capitano mette la palla in mezzo dalla sinistra, Carletti sul secondo palo in scivolata la piazza sul palo alla destra di Bertinato. Raddoppio meritatissimo per la squadra di Stellone brava a non arretrare il baricentro del gioco e continuare a fare gioco, la Vis Pesaro fino a questo momento ha messo la partita solo sul piano fisico e questo non sta certo pagando.

Accorcia la Vis Pesaro. Alla prima azione la Vis Pesaro si procura un calcio di rigore che Cannavò si fa parare da Sala, sulla ribattuta Luciani atterra un avversario e il direttore di gara assegna un nuovo penalty. Sulla palla questa volta va Di Paola che trasforma al 38′.

Terza rete amaranto. Il sigillo porta la firma di Benucci che si fa perdonare il fallo di rigore realizzando una rete splendida calciando un bolide sotto la traversa dove Bertinato nulla può. L’Arezzo oggi ha gli occhi da tigre non molla un centimetro e ristabilisce subito due lunghezze di distanza con gli avversari.

Primo tempo con gli Amaranto in vantaggio padroni del campo per 45′ dominando in lungo e in largo il campo e l’avversario. 

Secondo tempo e dopo 1′ Benucci colpisce la traversa servito magistralmente da Di Grazia. nei primi minuti del secondo tempo è sempre l’Arezzo a comandare il gioco. 

Carletti. Doppietta per il numero 8 amaranto con un colpo di testa magistrale confezionato da Cutolo che mette in area una palla deliziosa per l’attaccante amaranto che anticipa il difensore insaccando la palla.

C’è una sola squadra in campo: l’Arezzo sta dominando la squadra dell’ex Di Donato. Vis  Pesaro assente, fa eccezione un colpo di testa su calcio d’angolo sopra la traversa regalato dalla difesa amaranto che lascia solo l’avversario.

Arezzo che sfiora la quinta rete al minuto 83′ con Di Nardo appena entrato, sfortunato nell’occasione la palla calciata dal limite lambisce il palo alla destra del portiere. La partita regala solo la standing  ovation ai cambi amaranto. 

Pannitteri in rete. La Vis Pesaro va in rete con Pannitteri a un minuto dal termine, il nunero 11 solo in area colpisce facilmente a rete dove nulla può Sala. I 4′ di recuperi concessi dal direttore di gara servono solo per accompagnare alla vittoria la squadra amaranto. 

di Paolo Nocentini

Il Tabellino

AREZZO-VIS PESARO 4-2  (Primo tempo 3-1)

AREZZO (4-3-3): 1 Sala, 16 Luciani, 5 Sbraga, 19 Pinna, 21 Benucci; 26 Ventola, 4 Arini, 46 Altobelli; 23 Di Grazia, 8 Carletti, 10 Cutolo. A disposizione: 13 Melgrati, 17 Di Nardo, 18 Stampete, 25 Sussi, 29 Kodr, 31 Di Paolantonio, 35 Zitelli, 37 Serrotti, 44 Iacoponi. Allenatore Roberto Stellone.

VIS PESARO (3-5-2): 34 Bertinato; 24 Ferrani, 29 Brignani, 6 Di Sabatino; 18 Tessiore, 27 Ejjaki, 4 Gelonese, 32 Di Paola, 15 Giraudo; 20 Cannavò, 28 Gucci. A disposizione: 1 Ndiaye, 3 Stramaccioni, 7 Marchi, 9 Germinale, 10 Lazzari, 11 Pannitteri, 21 Gennari, 23 De Feo. Allenatore Daniele Di Donato.

Arbitro: Ermanno Feliciani di Teramo

Assistenti: Marco Belsanti di Bari, Francesco Perrelli di Isernia

Quarto ufficiale: Mattia Caldera di Como

Note: 
Ammoniti: 5′ Ferrari, 5′ Pinna, 24′ Giraudo, 37′ Luciani, 64′ Benucci, 68′ Di Sabatino, 71′ De Feo
Recupero: pt. 1′, st. 4′