50 anni di Ziggy Stardust: l’Orchestra Multietnica di Arezzo omaggia David Bowie

Il 15 giugno l'OMA di Arezzo sarà tra i protagonisti di "L’uomo che cadde su Monsummano Terme", a cura del Comune di Monsummano Terme e Officine della Cultura

Locandina

A 50 anni dal 16 giugno 1972, data di uscita dell’album “The Rise and Fall of Ziggy Stardust and the Spiders from Mars” di David Bowie, l’Orchestra Multietnica di Arezzo sarà tra i protagonisti dell’evento che aprirà le celebrazioni di Ziggy Stardust nel mondo. Un evento di alto profilo artistico che avrà luogo nella sera di mercoledì 15 giugno, alle ore 21:00, in Piazza G. Giusti a Monsummano Terme, dando un nuovo slancio al progetto “L’uomo che cadde su Monsummano Terme”, a cura di Comune di Monsummano Terme e Officine della Cultura, dopo le celebrazioni del 2019 dedicate alla prima venuta di David Bowie in Italia nel 1969 (proprio nella città della Valdinievole) e le mostre e la sfilata che hanno animato il 2021 con il viaggio nella creatività giovanile e non solo.

Insieme all’Orchestra Multietnica di Arezzo, diretta da Enrico Fink, saliranno sul palco in Piazza Giusti: Finaz e Nuto della Bandabardò, Paolo Benvegnù, Andrea Chimenti, i Modena City Ramblers, i Piqued Jacks e Dana Gillespie, musa ispiratrice e vocalist di Bowie proprio negli anni di Ziggy Stardust, che sarà a Monsummano Terme per la sua unica apparizione italiana del 2022. Un grande cast, impegnato nel dialogo con uno tra gli artisti più influenti della cultura del XX secolo, a cui faranno da cornice le incursioni danzanti della compagnia Motus, co-produttrice del concerto-evento insieme a Officine della Cultura e la conduzione di Clive Malcolm Griffiths.

L’iniziativa “L’uomo che cadde su Monsummano Terme”

Con Ziggy Stardust, un alieno androgino arrivato dalle stelle per avvisare l’umanità che le restano soltanto cinque anni di vita, possiamo ben dire che ebbe inizio la trasformazione del mondo del rock. Bowie cominciò ad interpretare il personaggio durante i suoi concerti con capelli rossi, tute colorate e super attillate e la stella disegnata sull’occhio destro. “Fuori dal campo sono un robot. Sul palco, raggiungo l’emozione. È probabilmente il motivo per cui preferisco vestirmi da Ziggy per essere David” disse Bowie presentando il suo celebre personaggio. Il progetto è promosso da Comune di Monsummano Terme e Officine della Cultura ed ha il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia e di Toscana Energia.

Locandina