“Le Sonate”: il concerto di Sergio Messina e Marino Nicolini a Casa Petrarca

In programma sabato 26 novembre alle ore 18.00, nella sede dell'associazione D.I.M.E.

Sergio Messina e Marino Nicolini

Le sonate è il titolo scelto per il concerto in programma sabato 26 novembreore 18.00 nella sede dell’associazione culturale D.I.M.A. a Casa Petrarca, in vicolo dell’Orto N°30.

Sergio Messina, violinista, docente di violino del Conservatorio “Luigi Cherubini” di Firenze, insieme a Marino Nicolini, docente al Conservatorio “Arrigo Boito” di Parma, eseguiranno la “Sonata n 5” di Beethoven ”Primavera”, un’opera dal carattere idilliaco, rarefatto e dalla tensione e forza che caratterizzano le altre sue opere; la “Sonata per violino e pianoforte” di Claude Debussy, una delle ultime del compositore francese ormai malato e la “Sonata op 108” di Johannes Brahms, composizione con la quale Brahms, tocca uno dei vertici della sua produzione.

Marino Nicolini, nato a Mantova si è diplomato in pianoforte sotto la guida del M° Nando Salardi e in violino sotto la guida del M°Ferruccio Sangiorgi. Si è poi perfezionato pianisticamente con il M°Renzo Bonizzato. Vincitore di più di 20 concorsi tra cui il Montani (1° premio), il “Sergej Rachmaninov” (2° premio), il “Franz Liszt” (1° premio) e il “Johannes Brahms” di Portschach per musica da camera (2° premio). Si è esibito in diverse formazioni e con importanti solisti. Ha collaborato con l’Opera di Monte-Carlo e con in“Festival Alfredo Kraus” all’Opera di Las Palmas di Gran Canaria.

Sergio Messina, ha conseguito il diploma al Conservatorio S.P. a Majella di Napoli, sotto la guida di G. Leone, perfezionandosi successivamente con Georg Moench e Vadim Brodski.   Finalista nei concorsi solistici: Torneo Internazionale di Musica  e  Vittorio Veneto, nel 1985 vince il primo premio assoluto al concorso nazionale “Città di Genova”. Ha dato concerti in  Francia,  Svizzera, Irlanda , Messico, Canada e Stati Uniti dove ha suonato  presso  i prestigiosi  Middlelbury-college (Vermont)  e   Kaneff-center  di  Toronto. Suona un pregevole violino di scuola napoletana ‘Vittorio Bellarosa del 1967’