Dal referendum al Progetto Culturale

Dopo la vittoria al referendum sulla fecondazione artificiale del giugno scorso, il Coordinamento per la difesa della Vita, inedita e coraggiosa unione di tante associazioni, gruppi e persone della Provincia di Arezzo, riprende il suo cammino con una vera e propria conferenza programmatica.

La strada è quella della ricostruzione di una cultura ?dell?uomo e per l?uomo?, che è partita dalla difesa della Vita ma che ora non può esimersi di prepararsi ad affrontare con profondità tutte le battaglie della modernità.

C?è bisogno di questa voce, che è la voce dei laici impegnati e maturi; c?è bisogno di riscoprire la voglia di distinguere il bene dal male, l?impegno dall?ipocrisia, la verità dai flutti del relativismo, il diritto dall?abuso, affermando un?identità chiara ed autorevole.

Rimanere vigili e proseguire il nostro cammino, oggi, significa avvertire l?urgenza di spendere le nostre risorse per un autentico umanesimo, significa svegliare chi ancora sembra assopito e portare il suo contributo in questo sentiero.

CONFERENZA PROGRAMMATICA
SABATO 1 OTTOBRE – DALLE ORE 16.30
CENACOLO DI MONTAUTO (in fondo alla Statale Libbia)

Articlolo scritto da: Coordinamento per la Difesa della Vita