Mostra fotografica a Montevarchi

MONTEVARCHI (AR) – Lavorare del “freddo” metallo, anche se con la finalità di realizzare un monumento, potrebbe sembrare un'impresa poco entusiasmante. Invece c'è chi riesce a trarre “Emozioni del Metallo”.

Nedo Baglioni e Marco Resti, due giovani fotografi di Montevarchi, hanno documentato la “genesi” di un'opera d'arte, dal suo concepimento fino all'installazione del luogo prescelto. L'opera in questione è quella del maestro Renzo Brandi, intitolata “Porta dell'Accoglienza” e posizionata all'ingresso della città. La mostra fotografica invece “racconta” non tanto le fasi lavorative per realizzare il grande monumento, quanto le emozioni e le sensazioni provate dagli autori che hanno visto nascere una nuova opera d'arte che, per dirla con le parole del professor Piero Torriti, “rispecchia in senso monumentale il simbolo di questa città.”

Non un reportage quindi, nel senso stretto del termine, ma una raccolta di sensazioni, emozioni… tanti “attimi fuggenti” che costituisco una visione inedita ed affascinante della nascita della “Porta dell'Accoglienza”.

La mostra, patrocinata dal Comune di Montevarchi, sarà inaugurata con un evento particolare che coniuga arte e musica. Il primo settembre, dopo l'inaugurazione della mostra fissate per le ore 21, si svolgerà nella prospiciente piazza Varchi un concerto di musica classica e lirica con la partecipazione del soprano Alessandra Tanzi e del tenore Davide Righeschi ed i musicisti del Corpo Musicale “G. Puccini”.

Brevi note sugli autori della mostra

Nedo Baglioni. Una volta ottenuta la laurea in scienze dei servizi giuridici si è dedicato in modo professionale a quella che è sempre stata la sua grande passione: la fotografia.

Tra i lavori più importanti un reportage fotografico in occasione della visita della regina di Danimarca a Firenze ed un servizio a Perugia in occasione della serata indetta per i 5 anni di attività di RFI (ex Ferrovie dello Stato). Ha collaborato con vari comuni toscani realizzando, tra i tanti reportage, un calendario per il Comune di Calenzano ed un servizio per l'inaugurazione del monumento ai Caduti senza croce a Montevarchi. Ha collaborato, come fotografo di scena, alla realizzazione del documentario sull'opera dell'artista Ernesto Galeffi del regista Francesco Tanzi.

Marco Resti. Dopo una lunga gavetta come “amatore” della fotografia decide di tentare il grande salto nel mondo del professionismo. Diplomato all'istituo tecnico per periti aziendali e corrispondenti in lingue estere ama molto viaggiare ed il suo sogno sarebbe quello di poter “firmare” dei foto-reportage. Nel frattempo si è fatto conoscere nella sua natia Toscana realizzando reportage per la Comunità montana del Casentino. E' autore di un servizio fotografico pubblicato dalla rivista d'arredamento “Dentro Casa”.

Articlolo scritto da: Stefano Pezzola