Adempimenti per i dettaglianti orafi

AREZZO – E' una data da cerchiare di rosso quella del 31 gennaio per i dettaglianti orafi. Il prossimo mercoledì infatti scadarà il termine per rinnovo della concessione dei marchi d'identificazione per metali preziosi. "Sono due le categorie di pagamento per rinnovare i diritti di saggio e marchio – ricorda Roberto Duranti, presidente dei Dettaglianti orafi aderenti a Confcommercio – Il primo importo di 32 euro è per le aziende iscritte all'albo delle imprese artigiane e per laboratori annessi ad aziende commerciali, mentre il secondo di 129 euro riguarda le ditte industriali aventi fino a 100 dipendenti." Duranti approffitta di questa scadenza per segnalare altre novità alla categoria: "La legge 549/95 ha soppresso la tassa di Concessione Governativa per il rinnovo del Marchio di Identificazione e le competenze relative alla riscossione dei menzionati diritti erariali sono passate dagli Uffici Metrici Provinciali alle Camere di Commercio, ai sensi del decreto legislativo 22 maggio 1999, n. 251. Inoltre la tassa di concessione governativa per la licenza di cui all’art. 127 del T.U.L.P.S. relativa all’esercizio di attività relative a metalli preziosi è dovuta unicamente in fase di rilascio del titolo autorizzatorio, cioè quando si apre una nuova attività o quando si varia quella già in essere (vedi informazioni allegate)." Per ogni chiarimento in merito alla normativa è possibile contattare il signor Giuseppe Zurli della Segreteria provinciale (0575 350755) presso l'Associazione dei Commercianti della provincia di Arezzo.

Articlolo scritto da: Luca Salvadori