Ritorna alla vittoria Milo Burzi, Alberati competitivo in Francia

In Francia, nella prova finale della Coppa del Mondo Marathon, 100 chilometri su un percorso molto tecnico con tanti single-track e 2.900 metri di dislivello con partenza da Les 2 Alpes e arrivo a Bourg d’Oisans, con la scalata all’Alpe d’Huez da superare, si è rivisto un buon Paolo Alberati, il 34enne umbro ci teneva a concludere bene la Coppa del Mondo e ha fatto buona parte della corsa con Marzio Deho che nel finale ha dato la solita zampata, lasciando Paolo a vedersela con il tedesco Roland Golderer che gli ha però negato la possibilità di salire di una posizione in classifica.
21° a Maspalomas a marzo in Gran Canaria, 36° nella non molto convincente “Südtirol Dolomiti Superbike”, in una sola settima Alberati ha ritrovato lo smalto e la grinta per scalare la classifica che con il 14° posto della prova francese lo vede concludere la Coppa del Mondo Marathon in 13ª posizione, quinto degli italiani.

Battuto una settimana prima in volata dal fratello Vega, Milo Burzi, ha partecipato in coppia con il fratello maggiore al “Rally Alpe della Luna” cronometro a coppie su un percorso a tappe sulle strade e i sentieri dei monti dell’Alpe della Luna della Valtiberina toscana.
L’unione fa la forza e se a farla sono due dei più forti bikers toscani per gli avversari sono dolori: nelle tre prove speciali cronometrate i due Burzi hanno sempre ottenuto i migliori tempi, staccando progressivamente i loro avversari.
Un gara particolare il “Rally Alpe della Luna”, difficile da interpretare perchè privo di riscontri cronometrici precisi, ma molto divertente e allenante, in prospettiva di una buona gara ai Campionati Italiani Cross Country del Montello in cui Milo dovrà difendere la maglia conquistata lo scorso anno in Brianza, una gara difficile che arriva dopo mesi di sofferenza e tanti problemi, ma crederci quando c’è in palio un titolo tricolore è d’obbligo e Milo in questo non è uno che si abbatte facilmente, sognare è lecito, per far diventare sogno la realtà gli ingredienti sono tutti nella sua testa, nelle gambe, nel suo cuore e nel suo carattere mite ma capace di graffiare quando occorre.