Vita nemmeno DA…..CANI

AREZZO – Canile, o presunto tale, in Valtiberina: una vicenda sulla quale l’Amministrazione comunale di Arezzo non vuol rimanere in silenzio. Ed esprime le sue opinioni per voce dell’assessore Ilario Nocentini che rileva “con sconcerto e sgomento come, in una società civile, possano esistere persone che attuano tali feroci barbarie nei confronti degli animali. Non voglio scendere in particolari cruenti ma comprendo e ringrazio le forze dell’ordine che si sono trovate di fronte una situazione orrenda e inqualificabile. Ed insieme al loro importante lavoro vorrei sensibilizzare tutti i cittadini a vigilare costantemente nelle zone dove vivono e dove lavorano per segnalare eventuali, ci auguriamo inesistenti, situazioni come questa.

Ad Arezzo – continua Nocentini – abbiamo già da tempo attivato un percorso di partecipazione con tutte le Associazioni animaliste presenti per dare una definitiva soluzione alle esigenze di coloro che io definisco “amici dell’uomo” e che meritano rispetto e strutture di accoglienza adeguate. Stiamo lavorando infatti perché nel più breve tempo possibile vengano trovate risposte idonee per il canile aretino che, nonostante l’impegno dei volontari e delle volontarie, necessita, dal punto di vista strutturale, di una totale risistemazione. La scelta politica che abbiamo fatto è quella di valutare e di condividere le varie scelte possibili con le Associazioni che rimarranno comunque le referenti per la gestione della struttura. Fra le varie opzioni anche l’attivazione di un projet financing non imposto come era avvenuto in passato, ma che coinvolga i privati unicamente nella proposta di servizi commerciali collaterali alla struttura”.