Impianti: servono chiarimenti

Case

AREZZO – “Dal Ministero dello sviluppo economico- osserva Ubaldo Manganelli, Presidente Installatori e Manutentori impianti CNA Arezzo – sono sinora giunte interpretazioni sugli aspetti tecnico-giuridici relativi alla compravendita degli immobili, mentre sulle questioni poste da tempo dalle associazioni imprenditoriali di settore c'è stato un silenzio assoluto”.
In primo luogo non è stata risulta la questione di una norma transitoria che consenta a tutte le imprese che abbiano già svolto l'attività nelle categorie di edifici e per le tipologie di impianti escluse fino a oggi dalla legge n. 46/90 la possibilità di conseguire il riconoscimento dell'abilitazione all'esercizio dell'attività.
“Gli artigiani della CNA – afferma Manganelli – sono convinti che occorra chiarire in maniera omogenea su tutto il territorio nazionale che, alla data di entrata in vigore del decreto, le imprese iscritte nel registro delle imprese o nell'albo provinciale delle imprese artigiane che abbiano operato su impianti in edifici adibiti a uso industriale, commerciale, artigianale, agricolo o ad altri usi precedentemente esclusi dalla sfera di applicazione della legge n. 46/90 debbano essere considerate abilitate all'esercizio delle attività di installazione, trasformazione, ampliamento e manutenzione di impianti per le corrispondenti lettere, e per le specifiche voci, all'interno di esse, come risultanti dallo stato di iscrizione al registro delle imprese o all'albo provinciale delle imprese artigiane”.
Ora il decreto è entrato in vigore e se si vuole evitare l'aprirsi di una stagione di contenziosi è urgente sciogliere tutti i dubbi di interpretazione del provvedimento e dare quella chiarezza legislativa che potrà consentire a tutti i soggetti coinvolti di svolgere al meglio il loro lavoro.
Cna Installazione Impianti per agevolare la comprensione delle nuove regole e per illustrare le procedure a cui attenersi organizzerà nei prossimi giorni, di concerto con la Camera di Commercio, un momento formativo specifico.