Nuoto, Italia quarta in 4×200 sl e record europeo

PECHINO – Record del mondo e medaglia d'oro per l'Australia, record europeo ma solo quarto posto per l'Italia nella staffetta 4×200 stile libero femminile alle Olimpiadi di Pechino. La staffetta australiana ha vinto con il tempo di 7'44"31 (Rice 1'56"60, Barratt 1'56"58, Palmer 1'55"22, Mackenzie 1'55"91), nuovo record mondiale che migliora il 7'50''09 fatto segnare dagli Usa a Melbourne 2007.
La medaglia d'argento è andata alla Cina, che ha chiuso con il tempo di 7'45"93 (Yang 1'56"79, Zhu 1'56"64, Tan 1'58"11, Pang 1'54"39). Solo bronzo per la staffetta Usa, che ha nuotato in 7'46"33 (Schmitt 1'57"71, Coughlin 1'57"19, Burckle 1'56"70, Hoff 1'54"73). L'Italia (Renata Fabiola Spagnolo, Alessia Filippi, Flavia Zoccari, Federica Pellegrini) deve accontentarsi del quarto posto con record europeo di 7'49''76. Renata Fabiola Spagnolo ha migliorato il personale portandolo all'1'58"31, sei decimi meglio di ieri. Alessia Filippi ha nuotato la prima frazione lanciata in 1'56"68, Flavia Zoccari ha rallentato la rimonta delle azzurre chiudendo in 1'59"80 e l'olimpionica Federica Pellegrini ha chiuso in 1'54"97.
"So che molti si aspettavano da me l'impresa, purtroppo tre secondi sono irrecuperabili – è il commento di Federica Pellegrini, oro olimpico nei 200 stile libero, al termine della staffetta – Le Olimpiadi sono speciali, stare fuori dal podio con il record europeo, qui dove tutti si stanno migliorando riscrivendo i limiti del nuoto ci sta". E' d'accordo Alessia Filippi, attesa dagli 800 stile libero delle batterie pomeridiane: "Siamo molto contente per il record europeo, non abbiamo mai nuotato così bene. Abbiamo centrato il nostro obiettivo, purtroppo il podio era irraggiungibile".