Pechino 2008, tradizione e magie hi-tech per l’apertura

PECHINO – Sono stati 2008 percussionisti ad aprire la cerimonia inaugurale delle Olimpiadi di Pechino 2008 dopo che, alle 20 della serata cinese, il conto alla rovescia si è concluso con spettacolari fuochi di artificio. In un crescendo di giochi di luci, davanti ai 91.000 spettatori presenti allo stadio 'Nido d'uccello' i percussionisti si sono esibiti suonando il Fou, lo strumento a percussione più antico della Cina fatto di argilla o bronzo. ''Amici che venite da lontano, quanto siamo felici'' è stato il messaggio di benvenuto rivolto agli ospiti arrivati da tutto il mondo.
Sul campo del Nido d'uccello hanno poi sfilato 56 bambini, in rappresentanza di tutti i gruppi etnici cinesi. I cinque cerchi hanno lasciato quindi spazio ad un'enorme bandiera della Cina issata sulle note dell'inno nazionale.
Con il segmento artistico intolato 'Beautiful Olympics', lo spettacolo diretto da Zhang Yimou, regista di 'Lanterne Rosse', è quindi entrato nella storia del paese ospitante per mostrare l'origine e lo sviluppo della cultura della Cina attraverso le sue conquiste, come la stampa. Centinaia di figuranti, 897, racchiusi in parallelepipidi hanno mimato una danza tutta dedicata ai caratteri mobili ma anche a raffigurazioni più 'geografiche', come la Grande Muraglia e fiori di pesco. Nello stadio è poi apparsa la 'via della seta' con la navigazione dei commercianti via terra e via mare.
Richiamo anche quanto è stato realizzato nei sette anni di preparativi per i Giochi con 4.100 figuranti-acrobati che hanno ricostruito nello stadio la stessa struttura intrecciata a nido d'uccello. Inevitabile il riferimento al tai-chi, alla natura, all'inquinamento e alle speranze per il futuro. Durante l'esibizione del cantante pop cinese Liu Huan e dalla cantante inglese Sarah Brightman, fuochi d'artificio sono stati accesi anche in diverse zone della capitale cinese, mentre un globo trasparente azzurro del peso di 16 tonnellate si sollevava sullo stadio.
Poi via alla sfilata: 204 nazioni in passerella dopo la rinuncia del Brunei. Ad aprire la delegazione della Grecia con in testa il portabandiera ellenico, il judoka Ilias Iliadis. Un'ovazione ha poi accolto l'ingresso della delegazione di Taiwan. Applausi anche per la delegazione dell'Iraq guidata dal portabandiera Hamzah Al-Hilfi, che si cimenterà nel canottaggio.
Per colpa dei caratteri cinesi l'Italia sfila 191esima. Il portabandiera della squadra è il canoista Antonio Rossi. Molti atleti sventolano il tricolore mentre entrano nello stadio con macchine fotografiche e telecamere. Infine Yao Ming apre la sfilata della Cina. La stella della nazionale di basket è il portabandiera della squadra di casa. Nella delegazione, le donne sfilano davanti agli uomini. Ogni atleta sventola una bandiera cinese.
Ad accendere il braciere l'ex ginnasta cinese Li Ning Li Ning ha vinto 3 medaglie d'oro ai Giochi di Los Angeles 1984, attualmente è un imprenditore di successo nel settore dell'abbigliamento sportivo.