Sul 118 in Valdichiana solo pericolosi allarmismi

Valdichiana abbandonata a se stessa? Dubbi sulla riorganizzazione del 118 avvalorati da recenti fatti? Dirigenti in ferie? "Niente di tutto questo, si tratta di divagazioni e commenti fatti senza conoscere la materia di cui si parla e che hanno come unico risultato quello di diffondere notizie non vere, al limite della diffamazione e del procurato allarme".
A parlare è il direttore sanitario della Ausl Luca Bianciardi, dopo l'ennesimo attacco al servizio del 118 in Valdichiana fatto dal consigliere del Polo per Castiglioni, Mario Agnelli: "Di norma – afferma il direttore sanitario – siamo soliti rispondere alle richieste di informazione o di chiarimenti che provengono da contesti istituzionali nelle sedi proprie, cioè i consigli comunali e non attraverso la stampa. Ma credo che a tutto ci sia un limite e che nelle ultime settimane questo limite sia stato valicato più volte dal Consigliere del Polo per Castiglioni, Mario Agnelli, autore di alcuni interventi che lasciano trasparire chissà quali inefficienze del servizio 118 che, a suo dire, si sarebbero verificate nella notte tra il 5 e il 6 luglio u.s. a Camucia e Castiglion Fiorentino"

"Il consigliere Agnelli – prosegue Bianciardi – utilizza frasi sarcastiche e getta un pesante quanto ingiustificato discredito sui dirigenti di questa Azienda sanitaria, ma nelle due notti da lui indicate il servizio del 118 in Valdichiana ha svolto, come sempre, un servizio esemplare. Più precisamente, nella notte tra il 5 e il 6 luglio – dati alla mano – gli interventi richiesti sono stati 10, ed a Camucia, su un codice rosso, è intervenuta ambulanza con medico a bordo in 6 minuti dalla chiamata; a Castiglion Fiorentino risulta solo un intervento per “sospetta cistite” con arrivo di ambulanza, valutazione del caso e ripartenza verso il Pronto Soccorso in 19 minuti dal momento della chiamata. In quella notte le chiamate che hanno necessitato di intervento di una delle due ambulanze con medico a bordo sono state 3 (un intervento ogni 8 ore di servizio garantito). In nessun caso i tempi di intervento hanno manifestato criticità. Ritengo quindi di poter nuovamente dare piena garanzia alla popolazione che il servizio è sicuro ed efficiente".

"La Usl gestisce servizi di pubblica utilità per i cittadini e la direzione aziendale ne risponde in tutte le sedi, politiche e pubbliche. I professionisti che operano in questi servizi, a loro volta, rispondono alla direzione aziendale e nella fattispecie, questa direzione manifesta la propria soddisfazione per l'operato del dr. Mandò e di tutto il 118".

"Un conto è essere stati 'eletti', come ci rammenta puntualmente il consigliere Agnelli, altra cosa è fare facile sarcasmo e gettare immotivato allarme e discredito su un servizio pubblico così importante come quello del 118. Non mi risulta – conclude Bianciardi – che tra le prerogative di un consigliere ci sia anche quella di generare falsi allarmismi. Le cronache nazionali ci dicono che se lo fa un giornalista questo si configura come “ipotesi di procurato allarme”, ed io mi chiedo allora che cosa sia se a farlo è un Consigliere Comunale?”