Home Nazionale La zia di Obama per ora non sarà espulsa e deportata in Kenya

La zia di Obama per ora non sarà espulsa e deportata in Kenya

0

WASHINGTON – La zia del presidente americano Barack Obama per il momento non sarà espulsa dagli Stati Uniti e deportata in Kenya.

Lo scrive il 'Washington Post', riferendo che il Tribunale per l'immigrazione di Boston ha fissato ieri al 4 febbraio del 2010 l'udienza sulla richiesta di asilo di Zeituni Onyango, sorellastra del padre del presidente.

La donna, 56 anni, arrivata negli Stati Uniti nel 2000, aveva presentato una prima richiesta di asilo nel 2002: respinta la domanda, le era stato ordinato di lasciare il Paese nel 2004, cosa che non aveva mai fatto, continuando a vivere in un alloggio popolare a Boston in condizioni di estrema povertà.

Il legale della zia di Obama, Margaret Wong, ha spiegato in un comunicato che la sua assistita, nella prima richiesta, aveva citato "la situazione di violenza in Kenya", ma non ha precisato le motivazioni contenute nella seconda domanda.

La vicenda di "Auntie Zeituni" era emersa qualche giorno prima delle elezioni del novembre scorso vinte da Barack Obama, che sosteneva di non sapere che la zia – che, nel frattempo, a causa della pressione dei media, si è trasferita a Cleveland, in Ohio – vivesse negli Stati Uniti da clandestina.

Articlolo scritto da: Adnkronos