Home Attualità Economia Bankitalia, in busta paga alle donne il 21,4% in meno che agli uomini

Bankitalia, in busta paga alle donne il 21,4% in meno che agli uomini

0
Bankitalia, in busta paga alle donne il 21,4% in meno che agli uomini

ROMA – Donne meno pagate degli uomini. Una realta' che in 10 anni e' addirittura cresciuta del 2,3% portando le buste paga delle dipendenti ad essere nel 2008 del 21,4% inferiori rispetto a quelle dei colleghi maschi (contro un gap del 19,1% nel 1998).
Gli stipendi degli uomini , nello stesso periodo, sono inoltre aumentati del doppio rispetto alle colleghe: +5,4% degli uomini contro il +2,5% delle donne. I dati contenuti nella relazione annuale della Banca d'Italia ed elaborati dall'ADNKRONOS, mettono in risalto un quadro che mostra come le differenze retributive tra i due sessi siano cresciute in un decennio. I dati riguardano le retribuzioni 'principali' dei dipendenti, esclusi quindi i secondi lavori. Le retribuzioni sono deflazionate con l'indice del costo della vita e sono al netto delle imposte e dei contributi previdenziali e assistenziali.
Nel decennio i redditi medi sono aumentati del 3,7%, passando da 1.358 euro a 1.408 euro, ma la differenza tra i sessi fa scendere le donne sotto l'asticella della media e fa salire gli uomini ben al di sopra: infatti per le prime l'incremento e' stato del 2,5%, si passa da 1.191 euro del 1998 a 1.221 euro di dieci anni dopo, mentre per i secondi e' cresciuto del 5,4%, si va dai 1.473 euro del 1998 a 1.553 del 2008.
Esaminando i dati che riportano l'andamento delle retribuzioni, intervallate per biennio, emerge che nel 2008 si e' raggiunta la differenza piu' alta tra gli stipendi degli uomini e delle donne. Infatti nel 1998 il gap era del 19,1%, salito al 20,7% nel 2000 scende di nuovo nel 2002 al 18,9%. Negli anni successivi riprende, lentamente, il divario con i redditi delle donne inferiori del 19% rispetto a quelli degli uomini nel 2004 e del 19,2% nel 2006. Fino ad arrivare al 2008, quando si registra un balzo in avanti che porta la differenza al 21,4%.
Lo stipendio delle donne resta molto al di sotto anche rispetto alla media nazionale, con un divario che supera sempre le due cifre e che tocca le punte massime nel 2008 e nel 2000. Nel 1998 la busta paga delle donne era del 12,3% inferiore rispetto al dato nazionale, la percentuale sale al 13,4% nel 2000, quando tocca la punta massima, mentre torna a scendere al 12,1% nel 2002 e nel 2004 e si riduce leggermente anche nel 2006 (12%). Il dato torna quindi a crescere nel 2008 raggiungendo il 13,3%.
Trend inverso per gli uomini, che hanno visto crescere la differenza tra il il reddito medio nazionale e il proprio stipendio, ma in positivo. Infatti in 10 anni si e' passati da un +8,4% del 1998 ad un +10,3% nel 2008. In particolare il dato e' migliorato nel 2000 (+9,1%), e' tornato quasi ai livelli del '98 nel 2002 (+8,5%) e nel 2004 (+8,4%), per poi tornare a salire nel 2006 (+8,9%) e raggiungere il record due anni dopo.