ConfrontARCI: le prossime Primarie e le 5 anime del centrosinistra

AREZZO, 08/11/12 – La corsa alle Primarie è agli sgoccioli, i cinque candidati del centrosinistra sono in piena campagna elettorale da oltre un mese, ma ancora il dibattito non si è spostato sui temi veri, quelli che interessano i cittadini, restando ancorati su polemiche da bar, valutazione di regolamenti, o ipotesi filosofiche autoreferenziali. C’è bisogno di un confronto vero – come si dice – all’americana. Un confronto che nella nostra città, ma sotto molti aspetti persino a livello nazionale, c’è ancora stato.
E’ arrivato il momento di dare voce ai programmi: l'appuntamento, dunque, è per giovedì 15 novembre, quando alle 21,30, nella sala conferenze del Centro di Aggregazione Sociale Arci di Villa Severi, finalmente, si aprirà il dibattito organizzato dall’Arci aretina.
La serata sarà aperta da un’introduzione di Francesco Romizi, Presidente Arci Arezzo. A moderare gli interventi dei 5 rappresentanti degli altrettanti candidati alle Primarie del Centrosinistra, Luigi Alberti, volto storico di Teletruria, che garantirà un confronto serio, equilibrato e sereno fra le varie "fazioni" in campo, a cui a capo stanno Pierluigi Bersani, Matteo Renzi, Laura Puppato, Nichi Vendola e Bruno Tabacci. Per il resto, tutto lo spazio sarà dedicato ai rappresentanti dei comitati e alle domande dei partecipanti all’incontro e di Luigi Alberti.
E’ arrivata la serata giusta per osservare con i propri occhi il confronto e capire chi, fra le cinque anime delle altrettante linee politiche, è il migliore da votare: cinque modi di vedere il centrosinistra italiano, cinque modi di vedere il mondo e l’Italia, cinque anime che si contenderanno la fiducia dei nostri concittadini il prossimo 25 novembre.
L'Arci, con questo evento, vuole favorire un confronto serio sui temi che più caratterizzano la vita dell'associazione, temi che interessano tutti e su cui i cinque candidati saranno invitati a dire la loro: diritti civili, scuola, lavoro, terzo settore, volontariato, territorio, legalità, corruzione, immigrazione, società civile, privatizzazioni e ambiente.
Un momento di confronto importante, dove a essere protagonista sarà la partecipazione civile e, soprattutto, una buona prassi per la politica, che nella nostra città, ma non solo qua da noi, si è un po’ persa: il dibattito con la cittadinanza. Un momento importante, in un campo neutro, come un Centro di Aggregazione Sociale Arci può essere, ma un luogo neutro, vissuto da persone che hanno ancora voglia di cambiare e veder cambiare le cose.