Castelsecco tra musica e filosofia

Patrocinio del Comune di Arezzo alle iniziative che si terranno lunedì 23 e venerdì 27 giugno nel teatro naturale di Castelsecco alle ore 21.15.

“Due eventi importanti anche per la scelta del luogo – ricorda l’assessore Francesco Romizi – che è un patrimonio della città ed è giusto valorizzare e vitalizzare. Ringrazio quindi l’associazione Castelsecco, gli organizzatori e  gli sponsor  che hanno contribuito a quelle che mi auguro saranno le prime di una lunga serie di iniziative che potrà ospitare questa splendida area ricca di storia e di arte”.

I due appuntamenti sono promossi dall’Associazione Castelsecco che, come sottolinea il presidente Fabio Mori “è ripartita con una nuova gestione che conta ad oggi 25 soci. L’obiettivo è la valorizzazione di questo sito etrusco dove è presente anche un teatro che si presta molto bene ad ospitare eventi musicali. L’acustica è di buon livello tipica dei siti teatrali”.

Gli eventi sono sponsorizzati dalla sezione soci coop e dalla Saima.

Per gli organizzatori interviene Mario Bruni: “vogliamo far rivivere di nuovo agli aretini questo luogo suggestivo per troppo tempo dimenticato. E lo facciamo con proposte che valorizzano competenze e sensibilità del nostro territorio che meritano una ribalta”.

E tra questi l’Orchestra Giovanile di Arezzo diretta da Roberto Pasquini: “sono due spettacoli veri e propri in un connubio tra poesia, parole, riflessione filosofica e musica. Uno spettacolo suggestivo con proposte musicali variegate e giovani musicisti dai 15 ai 24 anni particolarmente entusiasti di fare questa esperienza”.

I due spettacoli propongono un viaggio ideale intorno a tre grandi concetti filosofici: l’anima, la libertà e la pace. A partire da pagine della filosofia greca, moderna e contemporanea, da Platone a Nietzsche, da Rousseau a Fromm, le due serate propongono numerosi spunti di riflessione.

Grazie alle musiche eseguite dall’Orchestra Giovanile di Arezzo, i testi vengono intersecati da opere di grandi compositori, a sottolineare come filosofia e musica, con i loro rispettivi linguaggi, abbiano condiviso un percorso identico.

La voce di Valeria Gudini, i quadri storico-culturali e la scelta dei testi operata da Simone Zacchini, insieme alle musica dirette dal maestro Pasquini, porteranno il pubblico verso un’esperienza emozionale ed intellettuale molto forte, coinvolgendolo allo stesso tempo nello spirito e nella mente.

Gli appuntamenti: lunedì 23 giugno alle ore 21.15 con “I confini dell’anima” e venerdì 27 giugno sempre alle ore 21.15 con “Pensieri sulla libertà, progetti per la pace”.