Una centrale a gassificazione di legno per Badia Tedalda

centrale gassificazione - Correggio
centrale gassificazione - Correggio

AREZZO – Un accordo tra il Comune di Badia Tedalda e Graziella Green Power Spa per la fornitura gratuita di calore alle strutture comunali. L’approvvigionamento avverrà tramite la realizzazione di una centrale a gassificazione del legno che fornirà, tra l’altro, anche energia elettrica: dopo quasi tre anni di studio e di progettazione, infatti, il consiglio comunale locale ha ufficialmente approvato la costruzione di un nuovo impianto da 1 MW in località Sterpaia Vecchia.

La centrale, attiva prevedibilmente da settembre 2015, garantirà una produzione annua di 7 milioni e mezzo di kWh, tutti ottenuti da fonti rinnovabili, capaci di assecondare il fabbisogno di 650 famiglie tramite la gassificazione di legnosa vergine non trattata proveniente dai boschi. L’accordo con l’amministrazione di Badia Tedalda assegna a Graziella Green Power il diritto di superficie sullo spazio della centrale per i prossimi 25 anni, con l’azienda aretina che si impegnerà a cedere gratuitamente alle strutture comunali il calore prodotto dall’impianto.

Il Comune, nel frattempo, provvederà a realizzare la rete del riscaldamento per collegare, nella prima fase, alcune zone del paese alla centrale (come scuola e palazzetto dello sport). Un progetto parallelo prevede lo sviluppo dell’agricoltura locale tramite l’adiacente realizzazione di una serie di serre riscaldate con il calore generato dallo stesso impianto: Graziella Green Power si occuperà della ricerca di un partner privato per la realizzazione di questa ulteriore opportunità. In totale, dunque, saranno creati una decina di nuovi posti di lavoro assegnati preferenzialmente a cittadini residenti a Badia Tedalda; per la selezione del personale dell’impianto è previsto un bando pubblico comunale.

Per concludere, la realizzazione della centrale porterà un importante indotto economico sull’intero territorio locale superiore ai 600.000 euro all’anno: per la gestione e la manutenzione dell’impianto, per la sua costruzione che sarà parzialmente appaltata a ditte locali, e per la produzione di energia per cui verrà comprata e utilizzata la legna tagliata dai boschi circostanti (fino ad un massimo di 70 km di distanza).

Di legna occorrerà una quantità di 230 tonnellate alla settimana (per un totale di 12.000 tonnellate annue), ricavabile da circa 120-150 ettari di bosco. «La gassificazione – spiega il dottor Massimiliano Livi per Graziella Green Power, – è una delle tecnologie più valide per la produzione di energia elettrica da fonti alternative, sia per l’ottimale efficienza che per il limitato impatto ambientale. Senza contare che la centrale di Badia Tedalda, oltre ad essere in una posizione strategica vicina al paese, porterà lavoro e risorse energetiche ed economiche nell’intero territorio comunale».

L’accordo con il Comune di Badia Tedalda contiene un eccezionale valore perché trova le proprie radici nella ferma volontà dell’amministrazione di avviare una svolta verso l’utilizzo di energie alternative. Il Comune si è informato, ha individuato il sito, ha sensibilizzato la cittadinanza e, soprattutto, ha visitato l’impianto di gassificazione di Graziella Green Power a Correggio (Re), arrivando così ad una consapevole e condivisa decisione di procedere alla realizzazione della centrale.

«La nostra azienda – aggiunge l’ingegnere Iacopo Magrini, amministratore delegato di Graziella Green Power, – è molto soddisfatta dell’accordo raggiunto con il comune di Badia Tedalda: ci auguriamo che questo bell’esempio di collaborazione tra pubblico e privato per sviluppare la produzione di energia da fonti rinnovabili possa essere uno stimolo per altre amministrazioni».