Sos Cabaret chiude con Taurino e con lo scherzo del secolo

Antonello Taurino
Antonello Taurino

Antonello Taurino, comico diventato noto a Zelig, presenterà il suo spettacolo “Trovata una sega!”. Modigliani e la beffa delle teste per l’epilogo del festival di martedì 26 agosto alla Casa Ivan Bruschi

AREZZO – Sos Cabaret chiude in grande. L’epilogo dell’ottava edizione del festival nazionale di comicità vedrà come assoluto protagonista Antonello Taurino e il suo nuovo spettacolo “Trovata una sega!”, una commedia sperimentale dedicata ai 130 anni dalla nascita di Amedeo Modigliani e ai 30 anni dalla beffa livornese delle sue false teste. L’appuntamento, firmato dai Noidellescarpediverse, è in programma martedì 26 agosto, alle 21.15, nel suggestivo scenario della terrazza della Casa Museo Ivan Bruschi (in Corso Italia 14) e permetterà di rivivere un salto fino al 1984, l’anno dello scherzo del secolo. In quell’estate, infatti, il Comune di Livorno decise di procedere al recupero di tre sculture che, narra la leggenda, Modigliani avrebbe gettato nel Fosso Reale cittadino.

Tale ricerca portò alla miracolosa pesca di tre teste che catalizzarono l’attenzione mediatica di tutto il mondo, con i maggiori critici d’arte che battezzarono le opere come capolavori dell’artista livornese. A sconfessare questi giudizi pensarono tre studenti che, dopo un mese, rivelarono di aver scolpito loro le teste e diventarono così gli artefici della più grande beffa della storia. Lo spettacolo di Taurino, selezionato recentemente anche al Kilowatt Festival di Sansepolcro, farà sorridere ripercorrendo con ironia l’intera vicenda, proiettando alcuni video d’epoca e proponendo una riflessione sull’arte e sull’avventatezza dei giudizi dei critici.

“Trovata una sega!” è l’ultima produzione di un artista che, nato nel 1980, ha trovato notorietà a livello nazionale partecipando a numerose edizioni di Zelig Off di Canale5 con il personaggio del Clerico Vagante. Dopo l’esordio nel cabaret, Taurino si è confermato quanto mai eclettico scrivendo e rappresentando numerosi spettacoli teatrali, comici e non, culminati nel “Miles Gloriosus”, un progetto sulla vicenda dell’uranio impoverito nei Balcani con cui ha vinto il premio di migliore regia al festival teatrale nazionale Calandra.

«“Trovata una sega!” rappresenta la miglior conclusione di questi cinque giorni di cabaret – spiegano Samuele Boncompagni e Riccardo Valeriani, i Noidellescarpediverse. – Lo spettacolo di Taurino è il fiore all’occhiello di questa edizione di Sos Cabaret, permettendo di godere di un artista noto ormai a livello internazionale come dimostra la sua recente partecipazione al Fringe Festival di Edimburgo. Questo appuntamento, tra l’altro, è l’arrivederci ad un festival che tornerà in autunno con tanti altri grandi eventi e con le finali del concorso nazionale di cabaret».

La serata, inserita nella rassegna “Rido Degusto”, avrà un costo d’ingresso di 10 €, con un biglietto che permetterà di assistere allo spettacolo, visitare il museo, degustare vini e assaggiare tante prelibatezze enogastronomiche offerte dal ristorante Vesuvio. In caso di maltempo lo spettacolo si terrà nelle sale climatizzate del museo; i posti sono limitati, dunque è consigliata la prenotazione contattando il 338/900.17.99 o il 338/95.27.936.