Finite le feste, continua la festa ………..

Babbo Natale aveva portato alla Petrarca Pallamano una raffica di vittorie in tutti in campionati, per la verità con la sola amara eccezione della prima squadra battuta a Poggibonsi. Festività più che serene, quindi, per la società del presidente La Ferla che ha ricevuto un ulteriore importante regalo dalla Befana.

Proprio in questi giorni, infatti la famiglia Romualdi veste ufficialmente la maglia azzurra con la nazionale femminile under 17 impegnata nella X Meditarranean Championship a Tunisi, importantissimo torneo giovanile con ben otto squadre nazionali al via. E si tratta di due convocazioni significative che riempiono di legittimo orgoglio la pallamano aretina. Intanto per l’ esordiente babbo Ruben, chiamato a far parte dello staff tecnico in virtù dei risultati conseguiti negli ultimi anni che hanno premiato non solo la passione, mai discussa, ma la crescita di competenza. Poi che dire della citta? Rebecca è stata chiamata unica quindicenne in una selezione di diciassettenni, vale a dire riconosciuta come migliore giocatrice italiana della sua età. E questo dice tutto.

Dall’altra sponda del Mediterraneo è arrivata subito la notizia della prima vittoria contro l’agguerrito Egitto, e stavolta per Arezzo, che si sente in campo con i propri gioielli, l’azzurro è un pò più intenso.

Dunque la festa della pallamano continua, e così comincia un 2015 che si spera ancor più ricco di soddisfazioni. Quest’inizio si fa quasi tutto in viaggio.

Al femminile non pesano più di tanto le assenze in conto squadra azzurra. Riccardo Carboni e Michela Sacchetti seguiranno in panchina l’Under 14 sabato a Prato e l’Under 16 domenica a Montecarlo, due gare che vedono Arezzo comunque ben favorita.

Nel maschile, agevole l’impegno a Pontassieve per l’under 14 A mentre si annunciano difficili le gare per under 14 B, a Tavarnelle, under 16 , attesa nel fortino di Massa Marittima, ed under 18 a Poggio a Caiano contro Ambra.

Il PalaMecenate vedrà una sola gara, domenica 11 ore 17,30 ovvero la serie B di Ghini che ospita il Firenze La Torre. Un classico che tanti anni fa per Arezzo era una sorta di passeggiata ma che da ormai diverse stagioni, grazie alla crescita della realtà fiorentina, è diventata una partita equilibrata. Per la Petrarca un’occasione importante e l’auspicio è una vittoria che sia il primo atto dei festeggiamenti del quarantennale.

Già. Perchè proprio nel 1975 il prof. Toscano Locci ed un gruppo di sciagurati liceali davano il via alla meravigliosa avventura della pallamano in Arezzo. Prima partita, con sconfitta, a Prato, ma poi vennero le vittorie. E la storia continua……