Scherma: Scarso, da Mosca non solo successi ma tante indicazioni importanti

Mosca, 20 lug. (AdnKronos) – “Più che alle medaglie, tornando da questo Mondiale, guardiamo alla prestazione offerta ed a come, ancora una volta, la scherma azzurra abbia rappresentato al meglio l’Italia. Inoltre, in un Mondiale di qualificazione olimpica, ciò che conta più di ogni altra cosa sono i punti acquisiti nella corsa al pass per Rio 2016”. Sono le parole di un soddisfatto Giorgio Scarso, Presidente della Federazione Italiana Scherma, dopo la chiusura dei mondiali di scherma di Mosca dove l’Italia torna a casa con un carico di cinque medaglie, quattro d’oro ed una di bronzo, per un totale di quindici atleti che hanno ripreso il volo con una medaglia al collo.
“Bisogna leggere ogni risultato con “occhi strabici”. Ad esempio il quarto posto della Nazionale di spada maschile, sul piano delle medaglie lascia l’amaro in bocca, proiettandosi però a Rio 2016 è un ottimo risultato che ci rimettere in corsa per la qualificazione, sempre più difficile in ogni arma, per via di una concorrenza straniera sempre più larga in termini di numeri e sempre più qualificata sul piano tecnico”, aggiunge Scarso. Il bilancio finale del vertice federale è positivo anche perché il Mondiale di Mosca ha evidenziato la bontà di alcune scelte politiche, tra tutte: l’investimento sui giovani.