‘Terra.Terra’ in laguna, installazione sull’isola di San Secondo

246

Roma 28 ago. (AdnKronos) – La piccola isola di San Secondo, situata lungo il canale navigabile che collega la terraferma a Venezia, abbandonata da trent’anni e concessa temporaneamente per l’occasione dall’Agenzia del Demanio, è la protagonista di un progetto di riqualificazione ambientale e di valorizzazione artistica ideato e curato da Anne Demijttenaere sul modello di Opera Bosco Museo di Arte nella Natura a Calcata (Viterbo).
Realizzato con il contributo del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, de Il Giardino di Pianamola – Nature and Art Projects di Elisa Resegotti e in collaborazione con Legambiente Venezia. ‘Terra.Terra’, questo il titolo del progetto, è il secondo intervento di Opera Bosco Museo di Arte nella Natura a Venezia, dopo la mostra laboratorio VeneziaArchiNature sull’Isola della Certosa, nell’ambito de La Biennale Architettura 2014.
Dalla fine di giugno i volontari di Legambiente Venezia hanno ripulito dai detriti l’Isola di San Secondo e dal 15 agosto gli artisti Francesca Checchi, Anne Demijttenaere, Hans-Hermann Koopmann e Yongxu Wang hanno cominciato a lavorare insieme per realizzare collettivamente l’installazione che dal 31 agosto 2015 sarà visibile dalla Laguna e dal Ponte della Libertà, che congiunge Mestre a Venezia.
Il procedere del cantiere è ripreso dal designer e musicista Jonas Clementoni che realizzerà un video seguendo le fasi successive di realizzazione dell’intero progetto. Il progetto si avvale inoltre della consulenza dell’artista Costantino Morosin e della paesaggista e curatrice Elisa Resegotti. Legambiente di Venezia ha coordinato per il progetto un campo di volontariato, di giovani da tutta l’Italia e da altri Paesi del Mondo impegnati alla pulizia dell’Isola.