AREZZO – Un allenamento funzionale per preparare a tutti gli sport e a tutte le diverse situazioni della vita. Questa è la nuova proposta della New Gym, la palestra con sede al palazzetto del nuoto di Arezzo, che ha allestito uno speciale circuito esterno dedicato esclusivamente ad una tipologia di ginnastica che mira ad allenare ogni parte del corpo per fargli trovare la sua piena funzionalità. Forte di undici anni di attività alle spalle e di un team di istruttori professionisti, la New Gym si è da sempre distinta per la propria capacità di rinnovare il fitness aretino e di portare in città proposte all’avanguardia e sempre diversificate, dunque anche questa nuova attività si inserisce proprio su questo solco.

New GymCurato da Elena Pazzagli, Tommaso Esoli e Davide dell’Orletta, l’allenamento funzionale si sviluppa attraverso attrezzi come le kettlebell, le palle mediche e le stazioni per trazioni, alternati a circuiti a corpo libero e ad altri esercizi svolti in ambienti che simulano le situazioni della vita reale. Per questo motivo, lo spazio esterno adibito a questa disciplina è stato arricchito con ostacoli e oggetti estranei al classico mondo della palestra. Tutto questo lavoro si sviluppa attraverso movimenti che interessano e preparano intere catene muscolari e diverse articolazioni, lavorando per migliorare la postura, la forza, la coordinazione e la resistenza attraverso esercizi che ne fanno un allenamento particolarmente adatto anche come preparazione fisica per ogni disciplina sportiva e per gli atleti agonisti. New Gym«L’obiettivo – spiega Nilo Ricciarini, titolare della New Gym, – è di rendere al corpo tutta la propria funzionalità, recuperando quelle capacità che sono state limitate dalla vita sedentaria degli ultimi anni e preparandolo per fronteggiare nel miglior dei modi ogni situazione della vita, dai piccoli gesti quotidiani alle prestazioni sportive».

New GymUn’ulteriore caratteristica dell’allenamento funzionale è il suo svolgimento prevalentemente in gruppo, configurando una vera e propria attività di squadra, con allenamenti che stimolano la socializzazione e una positiva competizione che spinge a impegnarsi, a migliorarsi e a superare i propri limiti. Questa dimensione collettiva è sempre calata in una sfera individuale dal momento che ognuno si mette alla prova nei vari circuiti con la propria intensità e con il proprio ritmo, accompagnato da istruttori che assicurano supporto, sicurezza e qualità. «Abbiamo raccolto la sfida dell’allenamento funzionale – aggiunge Ricciarini, – per garantire un ulteriore sviluppo al panorama del fitness aretino».