Simone Piccini: #‎day63‬ of my ‪#‎aroundworldtour‬

mongolia
mongolia

Continua il viaggio di Simone in torno al mondo, ecco il suo diario di bordo del 63esimo giorno…

“Ci siamo ritrovati “in the middle of nowhere”, lá dove vive e vegeta il vero popolo mongolo. Dove i telefoni non prendono (ok, possiamo sopravvivere 3 giorni) dove non c’è corrente e di docce neanche l’ombra (ok, posso sopravvivere anche a questo).
Per i bagni, scusa? Lo vedi quel capanno lá in fondo alla spianata? Eccoli.
Che carini, li hanno anche divisi fra maschi e femmine. Peccato che quando “ti accovacci” ti puoi guardare negli occhi con la fortunata di turno.

Qui condividono proprio tutto.
Tre giorni fra spazi immensi nei quali non riesci a vedere la fine. Fra montagne, vallate, , fiumi, cascate, latte appena munto, caldo torrido e freddo pungente, capre e caprette e tutti gli odori pestilenziali al seguito. Ma siamo proprio dove volevamo essere.
Poi ti danno un cavallo e ti chiedono di seguirli. Oook… come si guida sto coso?? Dopo i primi momenti di panico ti ritrovi a recuperare una mandria di yak e ti gasi neanche tu fossi tex Willer. Meravigliosa Mongolia.
Adesso però per favore datemi una doccia che non me posso star vicino.”

mongolia_2simone_piccinimongolia_1

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Per seguire nella sua avventura: https://www.facebook.com/wanderhang/