Montevarchi, Federica Vannelli nuovo presidente della delegazione Confcommercio

Federica Vannelli
Federica Vannelli

Dopo 15 anni alla guida dei commercianti dell’area, Lorenzo Parigi lascia il testimone all’imprenditrice montevarchina, contitolare del negozio di ottica di famiglia. Con lei il vicepresidente Marco Cristofani, la responsabile di delegazione Roberta Soldani e i consiglieri Rita Badii, Cristina Dogana, Mirko Ciullini, Leonardo Franci, Pina Macconi, Remo Mini, Pierluigi Moretti, Milena Picchioni e Maria Rotesi. In consiglio anche il past president Parigi. Il dialogo con le amministrazioni tra le priorità del loro mandato quadriennale. “Il turismo è la nostra speranza per il futuro, ma il Valdarno deve ritrovare un’identità territoriale che vada oltre i confini amministrativi se vuole ritagliarsi un posto d’onore tra le destinazioni turistiche toscane”. L’impegno per sollecitare le amministrazioni locali a sostenere le imprese soprattutto nei centri minori, dove i negozi sono a rischio chiusura con conseguenze sociali pesanti. “A Montevarchi il 2015 si è chiuso abbastanza bene, ma nei piccoli centri come Loro Ciuffenna mancano all’appello molte, troppe aziende”. Tanti i problemi da risolvere anche a Montevarchi, che si avvia verso le elezioni amministrative: “seguiremo con grande attenzione la partita elettorale. Qui a fare male al commercio più che l’arrivo della grande distribuzione è stata la logistica infrastrutturale che ne è seguita, voluta dalle amministrazioni che si sono succedute La viabilità penalizza fortemente l’accesso al centro storico e si continuano a sbandierare soluzioni che non arrivano mai”.

“Il Valdarno ha bisogno di ritrovare un’identità territoriale che vada oltre i confini amministrativi se vuole ritagliarsi un posto d’onore tra le destinazioni turistiche toscane. E lo sviluppo del turismo è l’unica strada per salvare tanti centri minori dal rischio abbandono, oltre alle imprese e all’occupazione”. Ha le idee chiare Federica Vannelli, eletta nuovo presidente della delegazione Confcommercio di Montevarchi, a cui fanno capo circa 2mila imprese (1.989, di cui mille nel commercio, circa 700 nei servizi e 280 nel turismo) ubicate nei comuni di Bucine, Pergine Valdarno, Terranuova Bracciolini, Laterina, Loro Ciuffenna e, naturalmente, Montevarchi, che da solo ne esprime il 43% (863 imprese).

 

“La vallata sta vivendo un momento storico di trasformazione”, spiega l’imprenditrice montevarchina, 43 anni, un passato da docente negli istituti professionali per il turismo e dal 2008 contitolare del negozio di ottica Vannelli insieme al padre Mauro e alla sorella Alessandra, “prima a livello economico e commerciale era un’area di gravitazione per Arezzo e Firenze, adesso è lasciata più a se stessa e ha bisogno di nuovi sbocchi. Per questo daremo il nostro contributo di idee e proposte”.

 

“Figlia d’arte” anche nell’impegno sindacale a sostegno del terziario (il padre Mauro Vannelli è presidente provinciale di Federottica Confcommercio), Federica Vannelli ricopre attualmente anche l’incarico di presidente del Centro Commerciale Naturale di Montevarchi. Come presidente della Confcommercio riceve il testimone da Lorenzo Parigi, per 15 anni alla guida dei commercianti della delegazione, la seconda in Valdarno insieme a quella di San Giovanni Valdarno.

 

Nel suo mandato, di durata quadriennale, la Vannelli sarà affiancata dal vicepresidente Marco Cristofani, 56 anni, titolare di alcuni negozi di calzature fra Montevarchi e San Giovanni Valdarno, dalla responsabile di delegazione Roberta Soldani e dai consiglieri Rita Badii, Cristina Dogana, Mirko Ciullini, Leonardo Franci, Pina Macconi, Remo Mini, Pierluigi Moretti, Milena Picchioni e Maria Rotesi. Con loro siederà anche il past president Lorenzo Parigi, che continua così a mettere a disposizione della categoria l’esperienza maturata in questi anni.

 

“Il 2015 a Montevarchi si è chiuso abbastanza bene per il terziario, l’emorragia di cessazioni del passato sembra essersi fermata e in ogni caso il turn over di imprese ha aiutato a contenere le perdite, ma non è così nei borghi più piccoli della vallata”, dice la neopresidente, “a Loro Ciuffenna, per esempio, hanno abbassato la saracinesca dieci attività e solo cinque sono state rimpiazzate. Di questo passo, il rischio del paese-fantasma è dietro l’angolo”.

 

Da qui, la richiesta alle istituzioni: “le Amministrazioni Comunali in primis devono impegnarsi a sostenere e salvare le piccole imprese, che rappresentano un patrimonio sociale oltre che economico. Anche se la politica nazionale va in altre direzioni, ci sono provvedimenti che possono essere presi su scala locale, a partire dal contenimento della tassazione comunale o da politiche urbanistiche più efficaci”.

 

Il dialogo con le amministrazioni sarà quindi tra le priorità del mandato per la Vannelli e i suoi consiglieri. “A Montevarchi c’è poi la partita delle elezioni amministrative, che seguiremo con grande attenzione parlando con tutti i candidati che si presenteranno. È il centro più popoloso del Valdarno aretino, il primo ad avere visto l’arrivo della grande distribuzione organizzata. L’impatto è stato durissimo per la rete distributiva tradizionale, ma oggi, dopo vent’anni, le ferite si sono rimarginate e abbiamo perfino trovato forme di collaborazione con la GdO. Più che la grande distribuzione, il problema vero, che continua a tormentare Montevarchi, è la logistica infrastrutturale che ne è seguita, portata avanti dalle varie amministrazioni che si sono succedute. La viabilità penalizza fortemente l’accesso al centro storico e si continuano a sbandierare soluzioni che non arrivano mai. Anche su questo abbiamo intenzione di lavorare, rinvigorendo la nostra azione sindacale e trovando una partecipazione più attiva da parte degli associati”, conclude la neopresidente della delegazione di Confcommercio.