RESIDENZE I teatri “abitati” della provincia di Arezzo, luoghi di creazione artistica e fulcro della vita culturale del territorio.

logo bollo residenze verticale
logo bollo residenze verticale

Sono state presentate questa mattina nella Sala Giunta della Provincia di Arezzo, alla presenza del Presidente della Rete Teatrale, Massimo Ferri, dei Direttori Artistici, Livio Valenti (Nata), Andrea Merendelli (Teatro di Anghiari) Piero Cherici (Compagnia Diesis Teatrango) Luca Baldini (Officine della Cultura) e Simone Martini (Kanterstrasse) e degli Assessori territoriali, le Stagioni 2016 – 2017 dei Teatri aderenti alla Rete.

Introduce la conferenza Massimo Ferri: non è un anno qualsiasi, il 2016 rappresenta la conferma del riconoscimento, da parte della Regione , dell’attività promossa dalla rete teatrale aretina, come uno dei progetti di Residenza Artistica Culturale più importanti della nostra regione. È il passaggio tra un periodo di sperimentazione ed un nuovo triennio, nel corso del quale le compagnie della Rete potranno lavorare, a fianco degli enti e delle istituzioni locali, per sviluppare ulteriormente la propria attività professionale al servizio del territorio in cui operano. Un nuovo triennio nel corso del quale la Rete, supportata dalle compagnie che vi aderiscono, potrà affermarsi ancora di più come un centro per la formazione del pubblico e per la valorizzazione del ruolo educativo e sociale del teatro e dello spettacolo dal vivo.

Appena usciti dalla fantastica esperienza del “festival dello spettatore”, che ha registrato più di millecinquecento presenze agli spettacoli e qualche centinaio di partecipanti a incontri, convegni e laboratori e che ha costituito un primo vero momento di sintesi e di in comune tra le compagnie, mettendo in relazione il capoluogo con le compagnie che lavorano con continuità e professionalità nei centri della provincia, eccoci dunque a presentare la nuova stagione dei teatri della Rete. Teatri “abitati” dalle compagnie, che ne fanno la propria “residenza artistica” stabile, ma aperti anche alle residenze temporanee di compagnie ed artisti non solo toscani, trasformandosi in centri di creazione, sperimentazione, ma anche di incontro e di condivisione con le comunità locali, il pubblico, la , le istituzioni e l’associazionismo.

Chiude la conferenza stampa, Guido Perugini della Provincia, ringraziando con calore la Rete per il lavoro svolto in questi anni, per aver dato forza e credibilità a un territorio così grande e differente, dimostrando che la visione dell’Ente, era stata a suo tempo (2001) lungimirante e vincente.

I Teatri della Rete Teatrale Aretina

Teatro Dovizi – Bibbiena

Teatro Comunale –

Auditorium Le Fornaci – Terranuova Braciolini

Teatro di Anghiari – Anghiari

Teatro Verdi – Monte San Savino

Teatro Rosini –

Teatro Mario Spina –

Teatro Pietro Aretino – Arezzo

È già partito il Teatro Mario Spina di Castiglion Fiorentino domenica 23 ottobre con la prima dello spettacolo 20 chili di occhi, programmato nella stagione Bis Non Staccare la Spina, mentre la Stagione I collaborazione con Fondazione Toscana Spettacolo alzerà il sipario domenica 6 novembre con lo spettacolo L’hotel del libero scambio di Georges Feydeau, con Nicola Rignanese e Antonello Fassari.  Prosegue domenica 20 novembre con Giorgio Pasotti in Da Shakesperae a Pirandello, Massimo Schuster il 2 dicembre porterà In Scena Il Re di Girgenti.

La stagione prosegue nel 2017 domenica 15 gennaio con Silvio Orlando e lo spettacolo Lacci.
In occasione della Giornata della Memoria Enrico Fink presenterà Wiegenlied, ninnananna per l’ultima notte a Terezin.  Giovedì 23 febbraio l’esilarante spettacolo Ben Hur di Nicola Pistoia e Paolo Triestino: La stagione in collaborazione con FTS si conclude domenica 19 marzo con Alessandro Benvenuti in Un comico fatto di sangue.

Le date della stagione bis, dopo la prima in ottobre sono: giovedì 22 dicembre con il Toscana Gospe Festival, giovedì 26 gennaio I Nuovi Scalzi con La ridiculosa commedia della terra contesa, venerdì 3 marzo con SOS Cabaret in Tour, e ultima data venerdì 31 marzo con LORO, menzione special “Franco Quadri” al Premio Riccione 2013.

Nuova iniziativa di programmazione sono I Pomeriggi a Teatro che partono domenica 11 dicembre con lo spettacolo Alice, domenica 18 dicembre con Giorgio Rossi Con il naso all’insù e venerdì 6 gennaio con Il Piccolo Principe e l’Aviatore.

Teatro Dovizi di Bibbiena apre la Stagione di prosa in collaborazione con Fondazione Toscana Spettacolo mercoledì 23 novembre ore 21.30 con lo spettacolo Romeo e Giulietta – L’amore è un saltibanco. La stagione prosegue a dicembre con Odissea una produzione della Compagnia NATA. A gennaio il 10,  Riccardo Goretti e Andrea Keammerle portano in scena Naturalmemente zoppica un po’.  Sabato 21 gennaio Il Babiere di Siviglia. A febbraio in scena gli spettacoli Due per caso di Dalfiume/Dondarini e Prego di Giovanna Mori La stagione va avanti a marzo con Gianfranco Pedullà e il suo Re Lear, per concludersi con lo spettacolo di Nicola zavagli Era la nostra casa.

Il Teatro di Anghiari si prepara alle due gionate di restituzione dei di Anghiari Dance Hub.

Domenica 27 e lunedì 28 novembre, i coreografi scelti dalla commissione, composta da Gianluca Cheli, Andrea Merendelli, Luca Ricci, Maurizia Settembri e Gerarda Ventura prsenteranno lo dei lavori. I Coreografi  sono Anna Altobello, Francesco Colaleo, Danila Gambettola, Monica Gentile e Salvatore Insana.

Il progetto per il periodo settembre 2016 – giugno 2017 si configura come un percorso di accompagnamento alla creazione nell’ambito del quale gli artisti selezionati, i cinque coreografi e i loro interpreti per un totale di 15 artisti, avranno la possibilità di confrontarsi con esperti di diversi settori che, attraverso seminari di gruppo e incontri specifici, metteranno a disposizione le proprie conoscenze e il proprio know how con l’obiettivo di supportare la realizzazione dei singoli progetti coreografici.

Prossimo appuntamento sabato 5 Novembre ore 21,00 con il Concerto “Classica Valtiberina” dell’orchestra Anghiari Ensemble diretta dal maestro Marco Ferruzzi.

IlTeatro Comunale di Bucine inaugura sabato 29 ottobre con il Quartetto EuphoriaShow, per proseguire 11 novembe con Stalker Teatro. A docembre, sabato 17, ilTeatro Popolare d’Arte di Gianfranco Pedullà sarà in scena con lo spettacolo Devozioni Domestiche.  Il nuovo anno è aperto dalla compagnia residente Diesis Teatrango con lo spettacolo Dalle Montagne si vedeva la città. Il 3 febbario Giorgio Pasotti sarà in scena con lo spettacolo Da Shakespeare a Pirandello.  Grande ritorno sabato 1 aprile al Teatro di Bucine diCarlina Torta con lo spettacolo Ritorni.  La stagione si conclude con Amleto della compagnia Kanterstrasse.
Durante la stagione tante le iniziative delle Associazioni locali, le pomeridiane a Teatro per i bambini, e la programmazione curata da Diesis Teatrango per il Progetto di Teatro Sociale.

Il Teatro Rosini di Lucignano  per la stagione 2016/2017  propone “Bocche da Teatro” (spettacoli con cena in teatro) e parte sabato 17 dicembre con il Toscana Gospel festival, prosegue mercoledì 18 gennaio in occasione della Festa della Toscana con , Terra, Tavola con lo chef Fabio Picchi.  La stagone prosegue martedì 7 febbraio con Eli Belaj ne koncert abbianata una cena Albanese. Sabato 18 febbraio sarà la volta di SOS Cabaret in Tour . La stagione si conclude mercoledì 15 marzo con lo spettacolo Buttitta, canto per il poeta siciliano più grande del mondo.

La stagione dell’ Auditorium Le Fornaci di Terranuova B.ni “Diffusioni” inaugura domenica 6 novembre alle ore 17 con lo spettacolo per bambini Butterfly. Prosegue sabato 19 novembre con lo spettacolo di Fanny Alexander, Discorso Giallo. Si procede venerdì 16 dicembre Massimiliano Civica e I Sacchi d Sabbia con Dialogo degli Dei. La stagione riprende nel nuovo anno domenica 22 gennaio ore 17 con lo spettacolo per bambini Ode alla Vita. Il 19 e 25 febbraio progetto under 35 con Cantiere Artaud e Prospettiva Capaneo. Venerdì 3 marzo è la volta dei Tetatri d’Imbarco con Era la nostra casa.

La stagione di Diffusioni, curate dalla compagnia Kanterstrasse, non si ferma solo all’Auditorium delle Fornaci, ma spazia anche su Loro Ciuffenna con i seguenti appuntamenti: 12 novembre Niente Panico, di Luca Avignano; 4 dicembre per i bambini lo spettacolo Pindarico.

Il Teatro Verdi di Monte San Savino inaugura con la linea Verde, venerdì 11 dicembre, e lo spettacolo di balletto La bella addormentata nel bosco; prosegue con la stessa line venerdì 25 novembre con lo spettacolo Quel che è fatto è reso. Apre il nuovo anno con SOS Cabaret in Tour e lo spettacolo 30 spettacoli in 60 minuti.
La Linea Blu inaugura mercoledì 16 febbraio con un grande ritorno, quello di Paolo Hendel e lo spettacolo Fuga da via Pigafetta. Si prosegue giovedì 9 marzo con lo spettacolo Amleto FX. Venerdì 24 marzo sulla scena del Verdi va Maria Stuarda. Ad aprile, il 7 per la precision, due grandi apriranno il sipario: Katia Benni e Anna Meacci con lo spettacolo Scoop.  Giovedì 20 aprile il Teatro Garage sarà in scena con Il Maestro di Tango.

Tutti i programmi su www.reteteatralearetina.it

Rete Teatrale Aretina via della Bicchieraia 34, 52100 Arezzo

tel 0575/1824380 fax 0575/1824381 e-mail info@reteteatralearetina.it”