Amministrative: Monza, chi è Dario Allevi, al ballottaggio per il centrodestra/Scheda

Milano, 19 giu. (AdnKronos) – Dario Allevi, classe 1965, vive a Monza dall’età di dieci anni. Sfida il sindaco uscente Scanagatti dopo aver ottenuto, al primo turno delle amministrative, 19.344 voti, pari al 39,84%. E’ sostenuto da una coalizione formata da Lega Nord, Forza Italia, Fratelli d’Italia-An e dalle liste Noi con Dario Allevi e Monza Futura.
Biografia: Dopo la maturità scientifica e il servizio militare nel corpo dei Vigili del Fuoco, si iscrive all’università, alla facoltà di giurisprudenza e, contestualmente, inizia a lavorare nel mondo della finanza. Prima come procuratore nello studio di un agente di cambio milanese, poi come dirigente in una banca d’affari. Nello stesso istituto, oggi, ricopre il ruolo di responsabile dello sviluppo del public sector per la Lombardia. L’ingresso in politica risale ai tempi del liceo. Nel 1995 partecipa come delegato al congresso fondativo di Alleanza Nazionale e nel 1997 si candida alle elezioni amministrative a Monza: diventa consigliere comunale e nel corso della stessa consiliatura, nel 2000, assume il ruolo di capogruppo. Riconfermato due anni dopo, nel 2007 diventa vicesindaco. Nel 2009 diventa il primo, e unico come tiene a precisare lui stesso, presidente della Provincia di Monza e Brianza, vincendo le elezioni al primo turno con 243.624 voti, pari al 54,11%.
Vicepresidente dell’Unione Province Lombarde, è vicepresidente del Consiglio delle autonomie locali. Per gli effetti della riforma Delrio, ha lasciato il suo incarico nell’ottobre 2014.