Chef Shady fa scuola di cucina aretina in Palestina

Il cuoco ha avviato a Gerusalemme un corso di formazione per insegnare i piatti italiani agli chef locali. Il progetto favorirà uno scambio tra due diverse culture, per avviare una catena di ristorazione italiana

4403
Da Gerusalemme a Betlemme, chef Shady Hasbun fa scuola di cucina aretina in Terra Santa. Il cuoco ha radici palestinesi ma vive da anni in Toscana, maturando un ricco e variegato bagaglio professionale che è valso il suo coinvolgimento in un progetto volto ad esportare in Medio Oriente le tradizioni e le ricette italiane. La sua cucina è sempre stata caratterizzata dall’incontro e dalla contaminazione tra le due culture gastronomiche alla base della sua identità, con un’esperienza che ha ora varcato i confini nazionali per fare ritorno verso la stessa Palestina. Chef Shady è stato infatti chiamato dall’Ambassador Hotel Jerusalem per avviare una vera e propria scuola di formazione orientata a far crescere chef capaci di imparare la cucina italiana autentica e di riproporla all’interno di una catena di ristoranti nel Medio Oriente. Questo percorso è iniziato nei giorni scorsi con l’aretino che ha passato un periodo in Palestina tra Gerusalemme, Betlemme e altre città in cui ha conosciuto un gruppo di cuochi, ha lavorato insieme a loro, si è reso conto delle loro capacità e ha condiviso alcune ricette tipicamente toscane (dal crostino nero alla pasta fresca), ma si concretizzerà a partire dal mese di ottobre con l’inizio di vere e proprie lezioni che periodicamente lo vedranno far tappa nel Paese mediorientale. In questi corsi, chef Shady valorizzerà le produzioni tipiche del territorio come base per realizzare i piatti italiani, ma esporterà anche alcune eccellenze aretine e toscane per favorire una maggior varietà gastronomica e per rendere possibile una reale interazione tra le due culture.

Lesperienza a Gerusalemme ha raccolto così tanto entusiasmo e apprezzamenti che è valsa per il cuoco un ulteriore invito a Istanbul come relatore di un corso di marketing internazionale rivolto ai ristoratori locali. Chef Shady, dunque, ha ritardato il proprio ritorno in Italia per far tappa nella città turca dove ha tenuto una lezione sulle abilità e sulle competenze strategiche necessarie per affermare il brand di un locale e per renderlo commercialmente significativo. «Il progetto avviato in Palestina – spiega chef Shady, – è volto a trasmettere le competenze e le tecniche necessarie per permettere agli chef locali di specializzarsi nella vera cucina italiana. La cucina palestinese è caratterizzata da un alto livello in termini di conoscenze e di tradizioni, ma questo corso nasce dall’intenzione di far acquisire ulteriori competenze relative anche alla nostra gastronomia che è universalmente riconosciuta come un modello d’eccellenza».