Luce e gas, l’89% degli italiani non sa quanto spende: come moderare i consumi e leggere correttamente la bolletta

11798

Come dice un vecchio detto: fidarsi è bene, ma non fidarsi è meglio. Purtroppo pare che le famiglie italiane lo dimentichino, soprattutto quando si tratta di leggere le bollette energetiche. Al punto che l’89% degli italiani è del tutto ignaro dei propri consumi in termini di luce e gas: si tratta quasi sempre di una mancanza legata al non saper leggere correttamente la bolletta di casa. Di fatto, nove italiani su dieci proseguono la propria quotidianità senza sapere esattamente cosa stia succedendo, e quali spese finiscono poi col gravare sulla propria bolletta.

Italiani e bollette: i dati della ricerca

L’89% dei cittadini della Penisola non conosce la propria situazione in quanto a spese energetiche, semplicemente perché non legge o non sa leggere quanto indicato in bolletta. Le ricerche di settore hanno infatti evidenziato una colpevole mancanza in tal senso, appartenente agli italiani: solo il 13% dei consumatori sta attento ai consumi in termini di elettricità, mentre nel caso del gas la percentuale crolla all’8%. Va comunque detto che questa situazione non riguarda tutte le regioni: il Molise è la più virtuosa di tutte, con una percentuale di cittadini attenti pari al 15%. Seguono il Veneto e il Trentino Alto Adige, con una percentuale che oscilla dal 13% al 12%. Maglia nera per gli utenti della Campania, che solo nell’8% dei casi conteggiano le spese caricate in bolletta.

Come moderare i consumi energetici?

La disattenzione nei confronti della bolletta è un problema, ma la mancanza di cura nei consumi lo è altrettanto. Come moderarli, dunque? In primo luogo facendo attenzione al gas, spesso la spesa più ingente del pacchetto: oggi grazie al mercato libero, è possibile scegliere il proprio fornitore dunque è sempre meglio rivolgersi ad uno che offre prezzi concorrenziali e che permette di scegliere un’offerta a misura delle proprie esigenze, come ad esempio il nuovo Accendi luce & gas Coop. Per risparmiare sul gas, poi, è il caso di tenere coperte le pentole durante la cottura e di usare solo i fornelli delle dimensioni adeguate. Risparmiare sulla luce è un po’ più semplice, ad esempio basta gestire con intelligenza l’accensione delle lampadine ed evitare di lasciare gli elettrodomestici in stand-by.

Come leggere correttamente le bollette?

Per studiare la propria situazione dei consumi, occorre fare pratica con la lettura delle bollette. Non è nemmeno un’operazione così difficile, visto che le informazioni più importanti solitamente vengono riportate nella prima parte: qui è possibile trovare la tipologia di mercato (libero o tutelato), i dati personali per la fornitura e ovviamente le specifiche del contratto. Andando avanti, è possibile imbattersi in altre informazioni chiave: ad esempio i codici POD e PDR, la cifra da pagare e i termini di scadenza del pagamento. Fra le altre info da conoscere, si trovano i recapiti utili e il totale della bolletta: questo include tutte le varie voci di spesa, che bisogna sempre approfondire. Così è possibile capire quali costi gravano di più.