Manovra: Fdi, da Torino arriverà netto no a reddito cittadinanza

3

Roma, 1 dic. (AdnKronos) – ”Credere nel lavoro e non nel metadone di Stato come il reddito di cittadinanza. Dare 700 euro a chi se ne sta a casa non fa bene all’Italia, al sistema economico, al sistema sociale. Da Torino lunedì arriverà un netto no contro la strampalata bandiera politica dell’M5S”. In una nota, Marco Silvestroni, capogruppo per Fratelli d’Italia in commissione Attività Produttive della Camera dei Deputati commenta l’iniziativa di lunedì prossimo a Torino quale l’Assise generale delle Associazioni ”Infrastrutture internazionali per l’Italia” alla quale parteciperanno i presidenti di Confapi, Confindustria, Confesercenti, Cna, Confartigianato, Confagricoltura, Cia Agricoltura, Ance, Confcommercio, Confcooperative, Legacoop.
”Questa e’ l’Italia che ci piace – fa notare Silvestroni – ovvero la migliore risposta a chi crede nel lavoro e in un futuro per i giovani. Fratelli d’Italia è da sempre dalla parte del mondo delle imprese che rappresentano il volano di crescita e sviluppo per il paese e grazie alle quali la nostra nazione è stata portata nel terzo millennio. Industria, commercio, artigianato, agricoltura: in una parola tutto ciò che da una parte può attrarre investitori esteri e dall’altra coagulare fondi pubblici nazionali”.
Ed è grazie a queste realtà, rileva il deputato di Fratelli d’Italia ”che si può creare lavoro, l’unica vera strada per restituire dignità agli italiani. Certamente non l’elemosina del reddito di cittadinanza che non crea ricchezza ma piuttosto assistenzialismo. La nostra forza sono gli italiani e la loro capacità di fare impresa e creare posti di lavoro. E a questi italiani – conclude l’esponente di Fdi – dobbiamo dare risposte adeguate con il taglio netto alla burocrazia e alla pressione fiscale per chi vuole assumere giovani e capaci che non vanno scoraggiati in attesa di false proposte di lavoro”.