Pediatria: museo in ospedale, piccoli ‘archeologi’ al Bambino Gesù di Roma

Roma, 15 mag. (AdnKronos Salute) – Una serie di laboratori ludico-didattici per consentire ai ricoverati dell’ospedale pediatrico Gesù di vivere le attività del Museo Nazionale Romano, come se fossero dei veri e propri “piccoli archeologi”. Si tratta dell’iniziativa “Il Museo va in ospedale… a ”, promossa dal servizio educativo del Museo Nazionale Romano, in collaborazione con i docenti dell’Istituto comprensivo Virgilio sezione ospedale ‘ Gesù’ di Roma, destinata agli alunni della scuola primaria e secondaria di primo grado del reparto di Oncoematologia dell’ospedale capitolino. “Lo scopo di queste attività – spiegano gli organizzatori – è permettere anche a quei bambini che la malattia ha posto in una condizione di svantaggio, di poter partecipare al processo di diffusione di conoscenza e trasmissione”.
I laboratori, che affiancheranno per due anni il percorso didattico della ‘Scuola in ospedale’, coinvolgono i bambini in scavi archeologici simulati permettendogli di scoprire reperti e classificarli; ricomporre un’iscrizione romana dai suoi frammenti, leggerla e interpretarla; ricostruire un vaso dai suoi cocci e trasformare un lenzuolo in una toga per scoprire l’abbigliamento e la moda dei Romani.
Grazie all’iniziativa i piccoli pazienti possono inoltre osservare dal vivo i reperti, come manufatti originali di piccole dimensioni, che vengono portati in ospedale e messi a loro disposizione. Dall’ospedale fanno sapere che dopo i quattro incontri realizzati negli scorsi mesi, ne seguiranno altri a partire dal prossimo anno scolastico.